Sykes-Picot. La corrispondenza McMahon-Hussein (14 luglio 1915 – 10 marzo 1916)

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

SEGUICI SU TELEGRAM:

Per oltre un secolo gli Accordi di Sykes-Picot hanno definito gli equilibri nel Medioriente. Il Tazebao apre oggi una serie di approfondimenti e analisi dedicati.

McMahon era alto commissario britannico in Egitto e Ali Ibn Husain era lo Sherif della Mecca durante la Prima guerra mondiale. In una serie di dieci lettere dal 1915 al 1916 McMahon cercò di attirare il sostegno arabo contro l’Impero Ottomano. Il seguente estratto è da una lettera del 24 ottobre 1915. La promessa implicita è del sostegno britannico a uno stato arabo indipendente.

Da Sharif Hussein, 14 luglio 1915

Considerando che tutta la nazione araba, senza alcuna eccezione, ha deciso in questi ultimi anni di realizzare la loro libertà e di prendere le redini della loro amministrazione sia in teoria che in pratica; e che hanno trovato e sentito che è nell’interesse del governo della Gran Bretagna sostenerli e aiutarli nel raggiungimento delle loro ferme e legittime intenzioni (che si basano sul mantenimento dell’onore e della dignità della loro vita) senza ulteriori motivi che non siano legati a questo obiettivo;

E che è anche nel loro interesse (degli arabi) preferire l’assistenza del governo della Gran Bretagna in considerazione della loro posizione geografica e interessi economici, e anche dell’atteggiamento del suddetto governo, che è noto ad entrambe le nazioni e quindi non è necessario sottolineare;

Per queste ragioni la nazione araba ritiene opportuno limitarsi, per mancanza di tempo, a chiedere al governo della Gran Bretagna, se lo ritiene opportuno, l’approvazione, attraverso il suo delegato o rappresentante, delle seguenti proposizioni fondamentali, tralasciando tutte le cose considerate secondarie rispetto a queste, in modo che possa preparare tutti i mezzi necessari per raggiungere questo nobile scopo, fino a quando in cui troverà l’occasione di fare le trattative vere e proprie:

In primo luogo, l’Inghilterra riconoscerà l’indipendenza dei paesi arabi, delimitati a nord da Mersina e Adana fino al 37° grado di latitudine, su su cui cadono Birijik, Urfa, Mardin, Midiat, Jezirat (Ibn ‘Umar), Amadia, fino la frontiera della Persia; a est le frontiere della Persia fino al Golfo di Bassora; a sud dall’Oceano Indiano, con l’eccezione della posizione di Aden rimanere così com’è; a ovest dal Mar Rosso, il Mar Mediterraneo fino a Mersina. L’Inghilterra approvi la proclamazione di un califfato arabo dell’Islam.

In secondo luogo, il governo arabo dello sceriffo riconoscerà che l’Inghilterra avrà la preferenza in tutte le imprese economiche nei paesi arabi quando le condizioni delle imprese siano altrimenti uguali.

In terzo luogo, per la sicurezza di questa indipendenza araba e la certezza di tale preferenza delle imprese economiche, entrambe le alte parti contraenti offriranno assistenza reciproca, al meglio delle loro forze militari e navali, per affrontare qualsiasi potenza straniera che possa attaccare una delle due parti. La pace non può essere decisa senza accordo di entrambe le parti.

Quarto: se una delle parti entra in un conflitto aggressivo, l’altra parte assumerà un atteggiamento neutrale, e nel caso in cui tale parte desideri che l’altra si unisca forze, entrambe si incontreranno e discuteranno le condizioni.

Quinto: L’Inghilterra riconoscerà l’abolizione dei privilegi stranieri nei paesi arabi e assisterà il governo dello sceriffo in una convenzione internazionale per confermare tale abolizione.

Sesto: gli articoli 3 e 4 di questo trattato resteranno in vigore per quindici anni e, se uno dei due desidera che sia rinnovato, deve essere dato un anno di preavviso prima della scadenza del trattato.

Di conseguenza, e poiché tutta la nazione araba (sia lodato Dio) ha concordato il raggiungimento, ad ogni costo, di questo nobile obiettivo, pregano il governo della Gran Bretagna di rispondere positivamente o negativamente entro un periodo di trenta giorni dal ricevimento di questa comunicazione; e se in questo periodo non dovessero ricevere una risposta, si riservano la completa libertà di azione. Inoltre, noi (la famiglia dello sceriffo) ci considereremo liberi in opera e in atto dai vincoli della nostra precedente dichiarazione che abbiamo fatto attraverso Ali Effendi.

Da Sir Henry McMahon, 24 ottobre 1915

Ho ricevuto la vostra lettera del 29 Shawwal [1] 1333 (24 Ottobre 1915), con molto piacere e le vostre espressioni di cordialità e sincerità mi hanno dato la più grande soddisfazione.

Mi dispiace che tu abbia ricevuto dalla mia ultima lettera l’impressione che io considerassi la questione dei limiti e dei confini con freddezza ed esitazione; non era questo il caso, ma mi sembrava che non fosse ancora arrivato il momento in cui tale questione potesse essere discussa in maniera definitiva.

Ho capito, tuttavia, dalla sua ultima lettera che lei considera questa questione come una questione di vitale e urgente importanza. Pertanto, non ho perso tempo per informare il governo della Gran Bretagna del contenuto della sua lettera, ed è con grande piacere che le comunico a nome loro la seguente dichiarazione, che sono sicuro che riceverete con soddisfazione:

I due distretti di Mersina e Alessandretta e le porzioni di Siria che si trovano a ovest dei distretti di Damasco, Homs, Hama e Aleppo non si può dire che siano puramente arabi, e dovrebbero essere esclusi dai limiti richiesti.

Con la modifica di cui sopra, e senza pregiudizio dei nostri trattati esistenti con capi arabi, accettiamo questi limiti.

Per quanto riguarda le regioni che si trovano all’interno di queste frontiere dove la Gran Bretagna è libera di agire senza danneggiare gli interessi del suo alleato, la Francia, sono autorizzato, a nome del nome del governo della Gran Bretagna a dare le seguenti assicurazioni e dare la seguente risposta alla sua lettera:

  1. Con le suddette modifiche, la Gran Bretagna è disposta a riconoscere e sostenere l’indipendenza degli arabi in tutte le regioni entro i limiti richiesti dallo Sherif della Mecca.
  2. La Gran Bretagna garantirà i Luoghi Santi contro ogni aggressione esterna e riconoscerà la loro inviolabilità.
  3. Quando la situazione lo ammetterà, la Gran Bretagna darà agli arabi i suoi consigli e li aiuterà a stabilire quelle che possono sembrare le forme più adatte di governo in quei vari territori.
  4. D’altra parte, si capisce che gli arabi hanno deciso di cercare il consiglio e la guida solo della Gran Bretagna, e che i consiglieri e i funzionari europei che possono essere necessari per la formazione di una solida forma di amministrazione saranno britannici.
  5. Per quanto riguarda i vilayet [2] di Bagdad e Bassora, gli arabi riconosceranno che la posizione consolidata e gli interessi della Gran Bretagna richiedono accordi amministrativi speciali per assicurare questi territori dall’aggressione straniera, per promuovere il benessere delle popolazioni locali e per salvaguardare i nostri reciproci interessi economici.

Sono convinto che questa dichiarazione vi assicurerà oltre ogni possibile dubbio la simpatia della Gran Bretagna verso le aspirazioni dei suoi amici arabi e si tradurrà in un’alleanza solida e duratura, i cui risultati immediati saranno l’espulsione dei turchi dai paesi arabi e la liberazione dei popoli arabi dal giogo turco, che per così tanti anni ha premuto pesantemente su di loro.

Mi sono limitato in questa lettera alle questioni più vitali e importanti, e se ci sono altre questioni trattate nella sua lettera che ho omesso di menzionare, potremo discuterne in una data conveniente in futuro.

È stato con grande sollievo e soddisfazione che ho saputo dell’arrivo sicuro del Tappeto Santo e delle offerte che lo accompagnavano e che, grazie alla chiarezza delle vostre indicazioni e all’eccellenza delle vostre disposizioni, sono stati sbarcati senza problemi o contrattempi nonostante i pericoli e le difficoltà causate dall’attuale presente triste guerra. Possa Dio portare presto una pace duratura e la libertà a tutti i popoli!

Vi invio questa lettera per mano del vostro fidato ed eccellente messaggero, Sceicco Mohammed Ibn Arif Ibn Uraifan, e lui la informerà delle varie questioni di interesse, ma di minore importanza vitale, che non ho menzionato in questa lettera.

Bibliografia
  1. Decimo mese del calendario lunare Islamico. Shawwāl deriva dal verbo shāla (شَالَ) per ‘sollevare o portare’, generalmente per prendere o spostare cose da un posto all’altro, così chiamato perché un cammello femmina normalmente porta un feto in questo periodo dell’anno. Il primo girono di questo mese è il Eid al-Fitr, letteralmente “festa di rottura del digiuno”, poiché preceduto dal mese santo di Ramadan.
  2. Un vilayet era una divisione amministrativa di primo ordine dell’impero Ottomano, introdotta con la promulgazione della legge Vilayet del 21 gennaio 1867. Mentre in arabo la parola wilaya è usata per indicare una provincia o una regione o un distretto senza alcuna connotazione amministrativa specifica, gli ottomani la usavano per indicare una specifica divisione amministrativa. L’impero ottomano aveva già iniziato a modernizzare la sua amministrazione e a regolarizzare le sue province (eyalet) negli anni 1840, ma la legge del vilayet estese questo a tutto il territorio ottomano, con una gerarchia regolarizzata di unità amministrative: il vilayet, guidato da un vali (rappresentante del sultano), era suddiviso in sottoprovince (sanjak o liva) sotto un mütesarrif, ulteriormente in distretti (kaza ) sotto un kaimakam, e in comuni (nahiye) sotto un müdir.
Della stessa autrice

Turchia: prigioniera della sua posizione geografica e della sua ambigua politica estera. Gli occhi rivolti a Occidente, ma il cuore batte a Oriente – Il Tazebao

La ‘Palestina’: collante della politica israeliana – Il Tazebao

Quale futuro per le macerie? – Il Tazebao


Resta sempre aggiornato con Il Tazebao

Unisciti al gruppo Telegram per ricevere i nostri approfondimenti appena usciti. Instagram sarà il nostro supplemento fotografico. I video animano il nostro canale YouTube. Infine, inviando una mail all’indirizzo della redazione (redazione@iltazebao.com) puoi ricevere la newsletter settimanale.

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli