Roger Eddé: “Un Libano decentralizzato e laico, come la Svizzera”

Condividi articolo:

SEGUICI SU TELEGRAM:

All’approssimarsi delle elezioni libanesi, accogliamo il contributo dell’Avvocato Roger Eddé, fondatore del Partito per la Pace, in cui sviluppa la proposta per un nuovo Libano.

Attraverso le milizie di Hezbollah, l’Iran domina il Libano, condizionandone la politica e accelerando, di fatto, il suo smembramento. Uno stato all’interno dello Stato fallito del Libano, Hezbollah ha utilizzato il territorio libanese come base operativa dell’Iran per esercitare un’influenza sul Levante. Dopo il ritiro dell’esercito siriano dal Libano all’indomani dell’assassinio del primo ministro Rafiq Hariri nel 2005, Hezbollah è diventato l’unico occupante del Libano.

Ha consolidato drammaticamente il suo dominio, dopo la guerra del 2006 che Israele non è riuscita a vincere, a caro prezzo per il Libano. Oggi ci resta solo la risoluzione UNSC 1701, che ribadisce le precedenti risoluzioni 1559 e 1680. Tutte affermano l’impegno delle Nazioni Unite e della Comunità Internazionale ad aiutare il Libano ad affermare la propria sovranità su tutto il suo territorio. Hezbollah non ha rispettato l’accordo di Taef, che aveva tentato di disarmare e porre fine a tutte le milizie libanesi.

«Hezbollah ha regolarmente ricordato al Libano e alla Comunità Internazionale tutta che si tratta di un’organizzazione politica e militare, agli ordini della Guida Suprema dell’Iran e della sua Divisione Qods della Guardia Rivoluzionaria».

L’incapacità della Comunità internazionale di tentare seriamente di attuare le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, o di inserirle nel capitolo 7, ha autorizzato, di fatto, Hezbollah ad esercitare un potere assoluto e incontrastato. I partiti politici che si oppongono a Hezbollah non possono esistere, né sopravvivere politicamente, né partecipare al governo del Libano in alcun modo o forma, senza compromettere il loro patriottismo, le proprie convinzioni fondamentali o la propria integrità, non potrebbero farlo, collaborando con Hezbollah direttamente o indirettamente, apertamente o anche in segreto.

È così che la governance libanese è stata modellata sull’esempio delle organizzazioni mafiose di tutto il mondo. Quella governance è ora ampiamente chiamata Al Manzuma (l’Organizzazione). Condivide il potere settario e spartizione del potere, sotto la guida e la protezione di Hezbollah.

Manifestanti a Beirut con cartelli “Iran out” durante le proteste del 4 agosto 2021.

Condividono la piena responsabilità del fallimento del Libano che pure era riuscito a sopravvivere, con sorprendente resilienza, a decenni di guerre civili e regionali, senza nemmeno perdere la fiducia del mondo nelle sue industrie bancarie e commerciali, anche dopo che la valuta libanese era crollata da 3 lire a dollaro a 1500 lire per dollaro, tra il 1982 e il 1992.

«Questo porterà il Libano al totale asservimento!»

Quale può essere la strada verso la libertà, la salvezza nazionale e la pace sostenibile in Libano e nella regione? Possiamo liberare il Libano dal dominio iraniano di Hezbollah passo dopo passo? Cosa ci vorrà per salvare il Libano e ripristinare la fiducia della sua gente e del mondo? Quali sono le sue possibilità di sopravvivenza, dopo la fondazione come Grande Libano nel 1920? La guerra civile è inevitabile? Come possiamo fermare lo scivolamento del Libano nell’abisso del caos? Potremmo farlo senza negoziare un nuovo accordo, come abbiamo fatto ogni vent’anni dal 1920? Possiamo farlo senza neutralizzare il controllo dell’Iran sulle milizie di Hezbollah e quello dei suoi alleati tra la comunità sciita libanese e i rifugiati palestinesi nei campi libanesi? Quali sono le politiche statunitensi che possono aiutare i libanesi ad avere successo nell’impegnativo tentativo di liberare il Libano dall’occupazione attraverso le milizie per procura dell’Iran? Iniziamo a provare a rispondere a queste domande, una per una!

«Primo: sì, possiamo liberare il Libano dall’occupazione iraniana passo dopo passo!»

Possiamo promuovere una risoluzione dell’UNSC che dichiari il Libano uno stato fallito, ai sensi del capitolo 7, includendo in tale risoluzione le precedenti risoluzioni 1559/1680/1701, relative all’aiuto allo stato del Libano a disarmare tutte le milizie, dando allo stato il monopolio della forza e delle armi. Ciò richiede di fatto il disarmo di Hezbollah e dei palestinesi nei loro campi profughi del ghetto. Quello in applicazione delle leggi libanesi e delle Risoluzioni UNCS della comunità internazionale.

«Non dovremmo disarmare gli Hezbollah sciiti armati senza disarmare contemporaneamente i palestinesi armati sunniti».
“Iran out” anche nella zona devastata del porto di Beirut.

Infatti, quando la questione del disarmo di Hezbollah è stata discussa nei negoziati sul nucleare iraniano tra il 2003 e il 2005, (negoziati condotti sotto la guida del presidente Khatemi), il capo del gruppo negoziale iraniano era il presidente Rouhani, un importante successore del presidente Khatemi. A quel tempo, le armi nucleari, l’arresto dell’esportazione della Rivoluzione Islamica attraverso il terrore e lo smantellamento delle milizie armate delle Forze Qods (una sussidiaria della Guardia Nazionale Rivoluzionaria dell’Iran), erano questioni indivisibili tra l’Iran e il Comunità internazionale.

Una bozza di accordo era già stata chiusa nel gennaio 2005, come mi ha informato l’ambasciatore Sadek Kharazi a Parigi. L’accordo non si è concretizzato perché il leader supremo Khamenei ha sostenuto che è meglio lasciare la chiusura formale dell’accordo al presidente che sarebbe stato eletto nel giugno 2005.

«Quando Ahmadinejad è stato eletto, i negoziati sono stati ripristinati per ricominciare da zero. E Teheran iniziò a insistere sulla separazione tra questione nucleare ed esportazione della Rivoluzione!»

Un mese dopo aver ricevuto la “buona notizia” di una bozza di accordo pronta per essere chiusa dal Presidente che dovrebbe essere eletto nel giugno dello stesso anno 2005, il premier Rafiq Hariri è stato assassinato a Beirut dagli agenti di Hezbollah. E i suoi assassini non sono ancora stati consegnati alla Corte Internazionale! Insomma, mi sono convinto nel frattempo che il regime islamico iraniano non avrebbe rinunciato facilmente all’armamento nucleare, né all’esportazione della sua rivoluzione islamista, né al terrore!

Questo mi fa dubitare di scommettere sul destino del Libano occupato, su un accordo globale con l’Iran. A meno che l’Iran non cambi rotta o leadership, siamo bloccati con Hezbollah in Libano come lo è in Siria e Iraq, così come altrove nella regione e nel mondo. Soprattutto in Venezuela, Santa Margarita, Brasile, Argentina e confini tra Stati Uniti e Messico, dove prosperano tutti i tipi di contrabbando di persone e droghe redditizie. Fino a quando non avverrà un cambiamento a Teheran con conseguenze nella nostra parte del mondo, dobbiamo considerare come possiamo aiutare l’esercito libanese e altre forze di sicurezza, a recuperare la sovranità dello Stato libanese sulla maggior parte del Libano, in due o tre fasi!

Immagine di Quasem Soleimani a Beirut (Khandak el Ghamik); si trovano molte immagini di Soleimani e di Nasrallah nelle zone Sciite di Beirut.

Dovremmo iniziare con la liberazione di Beirut e del Monte Libano del 19° secolo, così come del Libano settentrionale e del fianco occidentale della Bekaa. Si tratta di due terzi del Libano che potrebbero diventare pienamente sotto la sovranità esclusiva dello stato senza alcun Hezbollah armato o forze paramilitari palestinesi.

«Il luogo più difficile da liberare è l’aeroporto di Beirut e la vicina struttura portuale militare illegale di Hezbollah a Ouzahy, nonché il sobborgo meridionale di Dahieh a Beirut».

Se non siamo in grado di liberare quella parte critica di Beirut, allora dobbiamo sviluppare l’aeroporto militare di Hamat nella regione di Batroun, a nord del Monte Libano. Un aeroporto internazionale sviluppato, finanziato e gestito privatamente. Ciò farebbe rivivere immediatamente l’industria turistica che ha sofferto il controllo di Hezbollah sull’aeroporto di Beirut, che è problematico per la storica clientela araba del Golfo dei grandi turisti libanesi!

«Ciò porrebbe fine drammaticamente all’isolamento del Libano sia dal punto di vista politico che economico».

Per quanto riguarda i campi palestinesi, decine di migliaia di abitanti di Ain el Helwe (Sidon) stanno presentando e firmando richieste per ottenere una possibilità di risarcimento e asilo nel Commonwealth e nei paesi arabi, in applicazione della risoluzione 194 delle Nazioni Unite sul diritto al ritorno o all’essere compensato. L’attuale collasso economico del Libano sta motivando la maggior parte delle famiglie palestinesi a fare questa scelta! Ciò eliminerebbe un ostacolo alla pace regionale poiché renderebbe più facile per l’esercito e le forze di sicurezza libanesi disarmare e controllare i campi palestinesi, uno alla volta! La maggior parte, se non tutti, i palestinesi armati nei campi in Libano sono alleati di Hezbollah e clienti di Teheran, come Hamas, Jihad Islami.

Per quanto riguarda la regione del sud che si trova ai confini di Israele, è già sotto il controllo dell’UNIFIL e dell’esercito libanese, legalmente negato a Hezbollah dalla Risoluzione UNSC del 2006 del 1701 che ha cessato le ostilità. Abbiamo recentemente assistito a un ritiro militare russo da Homs e da altre posizioni adiacenti ai confini orientali del Libano con la Siria.

«Le milizie di Hezbollah stanno colmando il vuoto. La Russia mantiene e consolida la sua presenza militare nella regione alawita dove ha una base marittima strategica a Tartous».

I resoconti dei media stanno coprendo queste ridistribuzioni dell’esercito russo, così come l’acquisizione di Hezbollah e la costruzione di un impianto di produzione di munizioni. Sviluppi che possono essere interpretati come il terreno per quella che viene chiamata «La Siria utile». In arabo: «Siria Al Mufida». Questa è la parte occidentale della Siria, che si estende dalla provincia alawita, fino a Homs, Hama, Damasco e più a sud fino al Golan occupato. Tutte queste province si trovano lungo i confini del Libano. La maggior parte degli oltre due milioni di rifugiati siriani in Libano sono sunniti delle province di Homs, Hama e Damasco.

Il regime di Assad non è pronto a permettergli di tornare. Né permetteranno loro di ricostruire o recuperare le loro proprietà.
Abbiamo molte ragioni per credere che il regime di Assad sia determinato a fare affidamento sulle minoranze siriane – alawiti, sciiti, cristiani e drusi – per essere dominanti in quella parte della Siria, come strategia demografica a lungo termine che non consentirebbe a una maggioranza sunnita di assumere il governo di Damasco in qualsiasi modo o forma.

Quella strategia, vitale per le minoranze siriane e per la sopravvivenza del regime, è in atto tanto in Libano quanto in Siria.

La successiva leadership della Siria, si oppose sin dalla fondazione del Grande Libano nel 1920, all’aggiunta al Libano del 19° secolo, delle cosiddette quattro province, in particolare la provincia di Baalbek che sta travolgendo gli sciiti , ed è ora feudo di Hezbollah!

Campi profughi nella valle della Bekaa

Hafez Assad non ha nascosto la sua volontà di conquistare quelle province del Grande Libano. Ha minacciato spesso di farlo, da quando ha invaso il Libano nel 1976, “fingendo” di proteggere il Libano cristiano dall’essere conquistato e governato dalla resistenza armata palestinese.

«Ora i confini della regione sono in fase di revisione, tenendo conto delle guerre civili, regionali e internazionali, ciò che sta accadendo in Siria avrà un impatto su ciò che accadrà in Libano. E viceversa!»

Il cambiamento demografico che si è verificato con i rifugiati siriani, si è aggiunto all’altra crescita demografica nelle comunità sunnite e sciite, che ha creato uno squilibrio così grande, che sta alimentando un senso di ansia e paura di essere estromessi dal governo libanese a causa di disordini, paralisi del governo, cambio di cultura e qualità della vita. Quel sentimento ampiamente diffuso sta facendo riflettere le famiglie sull’idea di crescere le loro giovani generazioni in un paese a cui non appartengono più. È abbastanza simile a quello che è successo alle minoranze che sono fuggite dalla regione senza essere effettivamente massacrate o terrorizzate. Sentivano solo di non appartenere più a ciò che era diventato il loro paese d’origine! Oltre all’esodo economico causato dal crollo economico del Libano, la paura di perdere il loro Libano sta diventando esistenziale.

È tanto urgente affrontare l’occupazione del Libano, attraverso le milizie per procura, quanto è urgente dichiarare il Libano uno stato fallito, da parte dell’UNSC, e prendere tutte le risoluzioni relative alla sovranità. Dovremmo esplorare la possibile adesione dei principali paesi arabi, sulla strada della pace disegnata dagli Accordi di Abramo.

Una conferenza sponsorizzata a livello internazionale dovrebbe esplorare la possibilità di una dichiarazione formale di neutralità militare del Libano. Chiaramente, una neutralità ben armata che può proteggere il Libano dai predatori che cercano di usare il suo sistema di governo multiconfessionale, per dominarlo o destabilizzarlo, in un modo o nell’altro.

L’accordo di Taef del 1989 non ha posto fine alle guerre civili in Libano. Né il ritiro delle forze militari siriane all’indomani dell’assassinio del primo ministro Hariri nel 2005. L’accordo di Taef è stato negoziato sotto la pressione di una crisi costituzionale con due governi che hanno contestato la legittimità. Non ha affrontato le principali questioni che minacciano le possibilità di sopravvivenza del Grande Libano. Tutto ciò che è stato concordato non è stato completato o implementato.

La strada per l’abolizione del sistema settario in cambio di un decentramento geografico lungo le mappe amministrative delle regioni libanesi, ha richiesto un dialogo preparato da un Comitato per l’abolizione del sistema confessionale e un altro Comitato per il decentramento. Non è avvenuto nemmeno un passo in quella direzione.

Avremmo potuto votare una legge elettorale parlamentare accettabile per tutte le comunità, ispirata al sistema maggioritario francese: a un distretto geografico, un seggio parlamentare. Ciò, distribuendo su distretti in base alla divisione attualmente confessionale tra parlamentari cristiani e musulmani in Parlamento.

Un distretto, un seggio, un voto.

I candidati sono eletti al primo turno se ottengono il 50% dei voti. Altrimenti i due candidati che hanno ottenuto i voti più alti al primo turno andranno al ballottaggio al secondo turno, due settimane dopo. Ciò avrebbe svincolato il sistema dalle quote confessionali, come adesso.

Ho esplorato questa opzione in un seminario che includeva la leadership dei partiti politici e la partecipazione del patriarca Rahi – con accordo unanime. Nessuno dei partecipanti ha insistito sulla necessità di avere una rappresentanza confessionale in un Senato eletto da ciascuna comunità confessionale; come previsto dall’accordo Taef.

«Quel passo avanti, combinato con un passo verso il decentramento democratico e fiscale, avrebbe potuto aiutarci a evitare la trappola di una Federazione dei Signori della Guerra che governa verticalmente, uno stato altamente centralizzato».

L’opzione peggiore per un tipo di governo mafioso, con mafiocrati che condividono il potere e il bottino del potere, in quanto rappresentano la loro base di potere confessionale.

È quella mafiocrazia che ha distrutto l’economia della libera impresa del Libano, il suo settore bancario, mentre ha conferito a Hezbollah il potere di essere l’organizzazione più potente e temuta, ampiamente conosciuta come Al Manzouma. Hezbollah è una sussidiaria della Guardia rivoluzionaria iraniana e il suo segretario generale Hassan Nasrallah è diventato il leader supremo del Libano, in rappresentanza del leader supremo iraniano, Ali Khamenei. Questo stato di cose, dovrebbe cambiare radicalmente. È vitale quanto disarmare Hezbollah.

L’armamento di Hezbollah di per sé non può prevalere con la forza nel Libano multiconfessionale. Né militarmente né politicamente.

«Hezbollah sta governando il Libano attraverso la manipolazione di un sistema costituzionale e di governo fallito, osteggiato, in modo schiacciante, dalla maggioranza di ogni comunità, inclusa anche la comunità sciita sofferente, essa stessa soggetta, sfruttata e terrorizzata da Hezbollah!»

Si dovrebbero affrontare questi problemi tutti insieme, in un unico pacchetto. Non passo dopo passo.

In conclusione: dovremmo far evolvere il sistema costituzionale libanese verso un “Libano Unito”, che sia completamente decentralizzato e completamente laico. Come nel caso della Svizzera.

Originariamente pubblicato su: eliasbejjaninews.com

L’intervista a Roger Eddé, realizzata durante il reportage in Libano, è disponibile: I Quaderni de Il Tazebao – estate 2021 – Il Tazebao

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli