Raghida Dergham (Beirut Institute): “C’è un difetto strutturale nel tour di Biden in Medioriente”

Condividi articolo:

SEGUICI SU TELEGRAM:

In un nuovo approfondimento su LinkedIn, Raghida Dergham, giornalista, fondatrice e direttrice del Beirut Institute, analizza i limiti della visita di Biden in Medioriente e gli errori di fondo nella sua visione.

La visione sul Medioriente dell’amministrazione Biden è in stallo, sebbene sia stata appena lanciata. Colpisce un paradosso concettuale: la presunzione di forgiare un’architettura di sicurezza, economica e politica nella regione, riunendo l’alleato israeliano, gli stati arabi del Golfo e le nazioni del Medio Oriente, mentre, allo stesso tempo, prosegue a investire nei colloqui sul nucleare con l’Iran, alla ricerca di un accordo che eliminerebbe tutte le sanzioni nei confronti di quest’ultimo.

Il contributo precedente: Raghida Dergham (Beirut Institute): “La bussola strategica USA per la riconfigurazione del Medio Oriente”

È vero, sarebbe un colpo di genio per l’entourage di Biden realizzare un’intesa strategica segreta iraniana-israeliana in cui l’Iran acconsenta a una tale architettura e contemporaneamente Israele che l’Iran faccia parte di un nuovo ordine di sicurezza che lo integra, riunendo le nazioni del Gulf Cooperation Council, l’Iraq e lo Yemen. Questo significherebbe un nuovo Medio Oriente in cui la Repubblica islamica dell’Iran e lo Stato ebraico di Israele possono riconciliarsi pubblicamente, invece del loro storico tango di guerra indiretta e pace mentre i loro conflitti per procura continuano a devastare gli stati arabi. Tuttavia, questo è inverosimile.

Iran e Israele: “costretti” a essere ostili

In effetti, una lettura politica realistica indica che il progetto del regime in Iran non gli permetterebbe di rinunciare alla sua ideologia.

«Il regime non può accettare pubblicamente Israele e non può smettere di cercare di esportare il modello delle sue guardie rivoluzionarie negli stati arabi, non solo per controllarli ma anche per impedire loro di tracciare un percorso indipendente nelle loro relazioni bilaterali con Israele».

E, proprio come è opportuno per l’Iran che Israele continui ad esistere, si comporti con avidità e rifiuti una soluzione a due stati con i palestinesi, è opportuno per Israele che l’Iran persegua il suo progetto nucleare, poiché questo è il carburante di cui Israele ha bisogno per intensificarsi quando ritiene opportuno e sfrutta i suoi pericoli quando lo ritiene opportuno.

«Entrambi gli stati sono di natura teocratica, a prescindere dalle pretese di Israele di essere una democrazia fondamentalmente contraddetta dalla sua insistenza sull’essere prima di tutto uno stato ebraico».

I difetti nella visione di Biden includono il suo distacco da questa realtà insieme ad un approccio condiscendente verso gli stati arabi e l’ignoranza dei dogmi governativi di Iran e Israele.

«Di conseguenza, il 46° presidente degli Stati Uniti non sarà in grado di costruire né un nuovo mondo né un nuovo Medio Oriente. Ha deciso di farlo troppo tardi, quando sia l’Iran che Israele hanno già finito di costruire i loro “forti”».

Inoltre, gli stati arabo e del Golfo hanno già sviluppato politiche e scelte basate sull’affrancamento dalle aspettative degli Stati Uniti, da quando Barack Obama, il 44° presidente e il suo allora vicepresidente Joe Biden li hanno sconvolti con una politica di abbandono e disprezzo. Allora cosa succede adesso?

«La visita del presidente Biden in Medio Oriente è stata affrettata, costretta dalla guerra in Ucraina e dal disperato bisogno dell’Europa di flussi alternativi di petrolio e gas per compensare la perdita delle forniture russe».

Se il presidente Putin non avesse invaso l’Ucraina e capovolto il panorama economico ed energetico globale, Biden non si sarebbe affrettato a visitare l’Arabia Saudita, incontrare i suoi leader e partecipare al vertice del GCC di Jeddah a cui hanno partecipato anche Egitto, Iraq e Giordania (…)

«La visita di Biden in Arabia Saudita è un “mea culpa” per offrire scuse e ammettere indirettamente i suoi errori, non una visita costruttiva».

La visione di Biden sul Medioriente rimane manchevole

Inevitabilmente, il presidente Usa è stato trattenuto dalla questione iraniana nel suo passaggio in Israele, e lo stesso vale per quello in Arabia Saudita, perché non ha finito con i colloqui di Vienna e non ha concluso il suo impegno, insistendo su un accordo con l’Iran. Questi difetti strutturali nell’organizzazione della visita significano che gli mancano gli strumenti per costruire relazioni a lungo termine e perfezionare strategie sostenibili.

In altre parole, la visione del presidente Biden per un Medio Oriente stabile è ostacolata dal nodo delle relazioni israelo-iraniane, dal comportamento ideologico iraniano nella regione araba e dall’ostilità iraniana alla presenza degli Stati Uniti nella regione. Il difetto è che Biden e il suo team credono di avere una bacchetta magica attraverso la quale possono cambiare il comportamento, l’ideologia e la dottrina dell’Iran.

«Un altro difetto è la convinzione di questa squadra che “rattoppare” la questione israelo-palestinese sia sufficiente per realizzare una nuova realtà e che la semplice reiterazione della soluzione dei due stati unita a un incontro tra Biden e il presidente palestinese Mahmoud Abbas sia sufficiente per raffreddare il fronte della resistenza e i suoi legami iraniani».

Il difetto sta nella determinazione dell’amministrazione Biden, come molte altre amministrazioni prima di essa, di negare giustizia ai palestinesi e schiacciare il loro diritto allo stato, perché Israele non vuole uno stato palestinese. Fino a poco tempo, i politici statunitensi temevano di far arrabbiare Israele a causa della sua influenza sulla scena elettorale statunitense. Oggi, accanto a questa paura, i politici statunitensi diffidano della rabbia iraniana se i negoziati sul nucleare falliranno.

In una certa misura, il presidente Biden è caduto nella trappola dei colloqui di Vienna, cercando di rilanciare l’accordo nucleare che il suo predecessore Donald Trump ha fatto a pezzi per protestare contro le sue carenze. Biden è diventato ostaggio di questo processo, navigando tra le condizioni impossibili dell’Iran e la persistente marcia dell’Iran verso l’acquisizione di armi nucleari. Il presidente Biden si trova incapace di riprendere la politica dell’era Trump di “massima pressione” sull’Iran, la cui mera idea è un anatema per Biden, anche se non ha esitato a adottare la politica di Trump che ha lanciato gli Accordi di Abramo per la normalizzazione arabo-israeliana.

La squadra di Biden vuole creare un nuovo Medio Oriente seguendo le orme della politica israeliana di Trump, ma scoprirà che la sua rovina della politica iraniana di Trump è il più grande ostacolo alla costruzione del Medio Oriente che desiderano. In effetti, l’Iran non permetterà la creazione di un ordine di sicurezza regionale che unisca gli Stati arabi e Israele mentre l’Iran ne rimane fuori. La capacità di sotterfugio dell’Iran è immensa e non esiterà a usarla. Il prezzo che l’Iran vuole è che l’amministrazione Biden revochi completamente tutte le sanzioni contro l’Iran, in conformità con le condizioni iraniane nei colloqui di Vienna. Ma l’amministrazione Biden è in difficoltà.

Biden è in una situazione di stallo perché sta cercando di rilanciare la presenza degli Stati Uniti e forti relazioni con gli Stati arabi del Golfo e, parallelamente, di costruire una struttura di coesistenza e normalizzazione tra loro e Israele. Ritiene che ciò potrebbe essere permanente e sostenibile indipendentemente da ciò che accadrà nei negoziati con l’Iran, che la squadra di Biden ritiene che alla fine saranno fruttuosi. Ma questo pensiero è un gioco d’azzardo, non una politica. Ciò suggerisce, inoltre, che la squadra di Biden stia improvvisando politiche senza una visione ed è segnato da un allarmante grado di incoerenza strategica.

Come possono gli USA ricostruire una presenza in Medioriente?

Ciò di cui gli Stati Uniti hanno bisogno oggi è ricostruire la loro presenza mediorientale con chiarezza e pragmatismo. Oggi sembra tutto un po’ infantile, con la costruzione di politiche quasi contraddittorie: da un lato, la ricerca di un accordo con l’Iran, soddisfacendo le sue condizioni e ponendo fine alle sanzioni, dall’altro una provocazione, suggerendo che l’Iran sarà escluso dagli accordi economici e di sicurezza in Medio Oriente tra gli Stati arabi del Golfo e Israele.

Forgiare un nuovo ruolo per gli Stati Uniti nel Golfo è cruciale ma rischioso, se l’amministrazione Biden commette errori strategici. L’amministrazione Biden è arrivata troppo tardi nel chiarire le caratteristiche della sua politica nel Golfo e nella regione araba, a causa della sua preoccupazione per l’Iran. Nel frattempo, gli stati arabi hanno avuto percorso diverso, adottando politiche indipendenti dalle norme delle tradizionali relazioni USA-Golfo, pur senza separarsi da esse.

«C’è possibilità di riparare a tutto questo, ma il tempo della fiducia assoluta e della piena dipendenza dall’America è finito».

Per questo il gruppo di Biden ha il suo lavoro da fare, non solo con Iran e Israele, ma anche con gli stati arabi.

Un mondo polarizzato: prediligere la costruzione di strategie alla stabilità?

La costruzione di alleanze non può avvenire come durante la Guerra Fredda perché la polarizzazione ora è molto più accentuata. Ciò non invalida il fatto che esista un asse composto da Cina, Russia e Iran che osservano da vicino ciò che l’amministrazione Biden sta cercando di fare. Ad ogni modo, secondo la Russia, gli Stati Uniti non saranno in grado di costruire un asse serio perché stanno sbagliando sostanza e tempismo, e il punto di vista del Cremlino è che non è la stabilità che conta oggi, ma la costruzione di assi, strategie e sicurezza architetture che hanno radici forti e durature.

Tradotto da LinkedIn (pubblicato il 17 luglio) e disponibile anche in lingua inglese sempre a Il Tazebao.

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli