Washington Post, Joe Biden: “Perché vado in Arabia Saudita”

Condividi articolo:

SEGUICI SU TELEGRAM:

Il Presidente USA Joe Biden sceglie di spiegare la sua visita in Medioriente sulle colonne del Washington Post (9 luglio). Vista la rilevanza del viaggio, Il Tazebao offre una versione tradotta.

La prossima settimana andrò in Medio Oriente per iniziare un nuovo e promettente capitolo dell’impegno americano nella regione. Questo viaggio arriva in un momento decisivo per la regione e farà sviluppare importanti interessi americani.

(…) I suoi passaggi marittimi sono essenziali per il commercio globale e le catene di approvvigionamento su cui facciamo affidamento. Le sue risorse energetiche sono vitali per mitigare l’impatto sulle forniture globali della guerra russa in Ucraina. E una regione che sceglie di unirsi ricorrendo a diplomazia e cooperazione, piuttosto che disgregarsi, ha meno probabilità di dar luogo a un estremismo violento (…).

Rilancio della diplomazia

Evitare questo scenario è di fondamentale importanza per me. Perseguirò intensamente la diplomazia, anche attraverso incontri faccia a faccia, per raggiungere i nostri obiettivi.

«Il Medio Oriente che visiterò è più stabile e sicuro di quello che la mia amministrazione ha ereditato 18 mesi fa».

(…) Dopo che il mio predecessore aveva rinnegato un accordo nucleare che stava funzionando, l’Iran approvò una legge per accelerare il suo programma nucleare. Inoltre, quando la passata amministrazione ha cercato di condannare l’Iran in seno al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti si sono trovati isolati e soli.

Nelle mie prime settimane da presidente, i nostri esperti dell’intelligence e dell’esercito hanno avvertito che la regione era pericolosamente sotto pressione. C’era bisogno di una diplomazia urgente e intensiva. (…)

Impegno contro ISIS

In Iraq, abbiamo concluso la missione di combattimento e spostato la nostra presenza militare per concentrarci sull’addestramento degli iracheni, sostenendo al contempo la coalizione globale contro lo Stato islamico che abbiamo plasmato quando ero vicepresidente, ora impegnata a prevenire la rinascita dell’ISIS. Abbiamo anche risposto alle minacce contro gli americani. La frequenza degli attacchi sponsorizzati dall’Iran rispetto a due anni fa è diminuita vertiginosamente. E lo scorso febbraio, in Siria, abbiamo eliminato il leader dell’ISIS Haji Abdullah, dimostrando la capacità dell’America di eliminare le minacce terroristiche, non importa dove cerchino di nascondersi.

Nello Yemen, ho nominato un inviato e mi sono impegnato con i leader di tutta la regione, incluso il re dell’Arabia Saudita, per gettare le basi per una tregua. Dopo un anno di persistente diplomazia, quella tregua è ora in vigore e l’assistenza umanitaria sta raggiungendo città e paesi che erano stati assediati. Gli ultimi mesi in Yemen sono stati i più pacifici degli ultimi sette anni.

Iran: tornare ad accordo 2015

«Per quanto riguarda l’Iran, ci siamo riuniti con alleati e partner in Europa e nel mondo per interrompere il nostro isolamento; ora è l’Iran ad essere isolato fino a quando non tornerà all’accordo sul nucleare abbandonato dal mio predecessore senza alcun piano alternativo».

(…) La mia amministrazione continuerà ad aumentare la pressione diplomatica ed economica fino a quando l’Iran non sarà pronto a tornare a conformarsi all’accordo nucleare del 2015, come resto disposto a fare.

In Israele, abbiamo contribuito a porre fine a una guerra a Gaza – che avrebbe potuto facilmente durare mesi – in soli 11 giorni.

«Abbiamo lavorato con Israele, Egitto, Qatar e Giordania per mantenere la pace senza permettere ai terroristi di riarmarsi. Abbiamo anche ricostruito i legami degli Stati Uniti con i palestinesi».

Lavorando con il Congresso, la mia amministrazione ha restituito circa 500 milioni di dollari a sostegno dei palestinesi, approvando anche il più grande pacchetto di sostegno per Israele – oltre 4 miliardi di dollari – nella storia. (…)

Arabia Saudita: riorientare le relazioni

In Arabia Saudita, abbiamo invertito la politica degli assegni in bianco che avevamo ereditato. Ho pubblicato il rapporto della comunità dell’intelligence sull’omicidio di Jamal Khashoggi, emesso nuove sanzioni, inclusa la forza di intervento rapido dell’Arabia Saudita coinvolta nel suo omicidio, e emesso 76 divieti di visto in base a una nuova regola che vieta l’ingresso negli Stati Uniti a chiunque venga scoperto coinvolti nel danneggiare i dissidenti all’estero. (…)

«Fin dall’inizio, il mio obiettivo era riorientare, ma non rompere, le relazioni con un Paese che è stato un partner strategico per 80 anni».

Oggi, l’Arabia Saudita ha contribuito a ristabilire l’unità tra i sei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo, ha pienamente sostenuto la tregua in Yemen e ora sta lavorando con i miei esperti per aiutare a stabilizzare i mercati petroliferi con altri produttori dell’OPEC.

So che ci sono molti che non sono d’accordo con la mia decisione di viaggiare in Arabia Saudita. Le mie opinioni sui diritti umani sono chiare e di lunga data e le libertà fondamentali sono sempre all’ordine del giorno quando viaggio all’estero, come lo saranno durante questo viaggio, proprio come lo saranno in Israele e in Cisgiordania.

«Come presidente, è mio compito mantenere il nostro Paese forte e sicuro. Dobbiamo contrastare l’aggressione della Russia, metterci nella migliore posizione possibile per superare la Cina e lavorare per una maggiore stabilità in una conseguente regione del mondo. Per fare queste cose, dobbiamo impegnarci direttamente con i paesi che possono avere un impatto su questi risultati».

L’Arabia Saudita è una di queste, e quando venerdì incontrerò i leader sauditi, il mio obiettivo sarà quello di rafforzare una partnership strategica che si basi su interessi e responsabilità reciproci, pur restando fedele ai valori fondamentali americani.

La normalizzazione con Israele

Venerdì sarò anche il primo presidente a volare da Israele a Jiddah, in Arabia Saudita. Quel viaggio sarà anche un piccolo simbolo delle relazioni nascenti e dei passi verso la normalizzazione tra Israele e il mondo arabo, che la mia amministrazione sta lavorando a espandere. A Jiddah, i leader di tutta la regione si riuniranno, indicando la possibilità di un Medio Oriente più stabile e integrato, con gli Stati Uniti che svolgono un ruolo di leadership vitale.

Le altre questioni aperte

Naturalmente, la regione resta piena di sfide: il programma nucleare iraniano e il sostegno ai gruppi per procura, la guerra civile siriana, la crisi alimentare esacerbata dalla guerra della Russia contro l’Ucraina, i gruppi terroristici ancora attivi in ​​diversi paesi, lo stallo politico in Iraq, la Libia e Libano, e gli standard sui diritti umani ancora indietro. (…)

Tuttavia, rispetto a 18 mesi fa, la regione è meno sotto pressione. Gli ex rivali hanno ristabilito le relazioni. I progetti infrastrutturali congiunti stanno creando nuove partnership. L’Iraq, che era stato a lungo una fonte di conflitti per procura e rivalità regionali, ora funge da piattaforma per la diplomazia, anche tra Arabia Saudita e Iran. Il mio amico re Abdullah di Giordania ha recentemente fatto riferimento alla “nuova atmosfera” nella regione, con i paesi che chiedono: “Come possiamo connetterci e lavorare insieme”.

Si tratta di tendenze promettenti, che gli Stati Uniti possono rafforzare in un modo in cui nessun altro Paese è in grado di farlo. Il mio viaggio la prossima settimana servirà a questo scopo.

Durante il mio viaggio, avrò in mente i milioni di americani che hanno prestato servizio nella regione, incluso mio figlio Beau, e i 7.054 morti nei conflitti in Medio Oriente e Afghanistan dall’11 settembre 2001.

La prossima settimana, sarò il primo presidente a visitare il Medio Oriente dall’11 settembre senza che le truppe statunitensi siano impegnate in una missione di combattimento lì. Il mio obiettivo è mantenerlo così.

L’intervento integrale in lingua originale: Joe Biden: Why I’m going to Saudi Arabia

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli