Cerca
Close this search box.

Nella vita di un tifoso

Condividi articolo:
SEGUICI SU TELEGRAM:

Nel volgere di poco, le piattaforme digitali hanno iniziato a mostrare il fine reale. Non hanno espanso l’orizzonte della “democrazia liberale” con le “piazze virtuali” dei social, che non hanno allargato la conoscenza né i contatti (le aziende vendono nemmeno se spendono), al più hanno confinato e ristretto; non hanno creato nuove “opportunità” di lavoro, al più sono servite come leva per la dismissione o mezzi di sorveglianza, una volta preso il controllo assoluto di un determinato ambito. I social network hanno creato lavoro all’inizio e poi hanno liquidato, mentre hanno espanso le frontiere del “lavoro gratuito” – l’espressione è di un sociologo – a mezzo di un esercito di creatori di contenuti a tempo perso.

Ovviamente, da gratuite che erano in principio e in pubblicità, le piattaforme sono diventate a pagamento ma la fuga di utenti non è un problema in quanto l’obiettivo è entrare, formattare e dismettere, non creare ricchezza. Bisogna riflettere su questa nuova dimensione del capitalismo.

Dopo Airbnb, che è stato leva per smantellare il modello della stanzialità e dell’abitare, oltre che per censire un po’ di proprietà (e per cristallizzare la rendita di pochissimi), altro caso da seguire è quello di Dazn che, quando si appalesò nel mercato italiano, prometteva una nuova fruizione gioiosa, condivisa e moderna del pallone, oggi raddoppia il costo degli abbonamenti.

Mentre si propaga la narrazione sullo sport al femminile, mentre i campioni volano altrove, mentre resiste diligentemente il modello della Premier League, che è parte integrante della Global Britain, mentre le squadre italiane sono bistrattate in Europa, il calcio perde la sua funzione di scarica e aggregante; oggi non serve più ad ammansire le masse, ché il potere ha trovato nuove e altre efficaci formule.

In tutto questo, Rocco B. Commisso rappresenta un contro-esempio di modello sportivo con l’investimento per il nuovo centro sportivo a Bagno a Ripoli. A Firenze, ma fuori Firenze.

Sullo stadio e il “modello Commisso”
  1. Stadio Franchi: siamo al redde rationem
  2. Campo di Marte, l’occasione perduta e la fine dell’Urbanistica a Firenze. Una critica radicale: per tornare alla Bellezza
  3. Altro che baby gang! – Alé Fiorentina maggio 2023
  4. Messer aprile – Alé Fiorentina aprile 2023

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato
Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao
Scopri altri articoli
Viene giù tutto?

Il Tazebao – Piergiorgio tornò alla sua casetta eco-green, gas-free dopo la giornata al powerpointificio – termine del lessico dell’internette