Cerca
Close this search box.

Le implicazioni della guerra Russia-Ucraina in Medio Oriente – IFIMES 19/06/2023

Condividi articolo:
SEGUICI SU TELEGRAM:
L’ultimo report dell’IFIMES, tradotto dall’inglese, riflette sulle implicazioni della guerra negli equilibri del Medioriente.

L’International Institute for Middle East and Balkan Studies (IFIMES)[1] di Lubiana, Slovenia, analizza regolarmente gli sviluppi in Medio Oriente, nei Balcani e in tutto il mondo. A sedici mesi dall’inizio dell’invasione militare russa in Ucraina IFIMES ha fatto un’analisi delle implicazioni della guerra in Medio Oriente. Riportiamo le parti più importanti e interessanti dell’ampia “Crisi ucraina del 2023: implicazioni della guerra Russia-Ucraina in Medio Oriente”.

IFIMES – La guerra russo-ucraina, che si protrae già da 16 mesi, ha generato implicazioni significative sulla scena politica del Medio Oriente, dove la guerra ha messo a nudo la complessità delle strategie con cui si confrontano gli Stati della regione come risultato dell’escalation nelle relazioni internazionali e della successiva scelta di campo tra uno dei due gruppi – il gruppo degli Stati Uniti e dei suoi alleati occidentali da una parte e il gruppo guidato da Russia e Cina dall’altra. La guerra ha avuto ripercussioni anche sull’orientamento geopolitico degli Stati, nonché sui rapporti bilaterali tra i Paesi della regione e le potenze globali.

La risposta dei paesi del Medio Oriente alla guerra Russia-Ucraina è stata diametralmente opposta alla posizione degli Stati Uniti e dell’Occidente e ai loro desiderata. Vale a dire, hanno evitato di prendere una posizione forte contro la Russia, per non minare i loro interessi comuni con Mosca e si sono, piuttosto, sforzati di raggiungere un equilibrio nei loro rapporti con le due parti, basato sulla condanna dell’invasione e sull’estensione del sostegno alla sovranità dell’Ucraina. Allo stesso tempo, hanno evitato di introdurre sanzioni contro la Russia, oltre a fornire supporto militare o finanziare la guerra come altri paesi occidentali. La loro assistenza all’Ucraina era limitata al minimo sostegno umanitario, ad eccezione della Turchia, che aveva già stabilito una cooperazione militare con l’Ucraina prima dello scoppio della guerra.

I paesi del Medio Oriente hanno sostenuto la risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che condanna l’invasione russa dell’Ucraina, ad eccezione della Siria, che ha votato contro la risoluzione, e dell’Iran, dell’Algeria e dell’Iraq, che si sono astenuti. Hanno inoltre sostenuto la risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che rifiuta l’annessione di parti dell’Ucraina alla Russia. Tuttavia, mentre i paesi della regione, tradizionali alleati di Washington, tra cui Turchia, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti (UAE) ed Egitto, si sono astenuti dall’introdurre sanzioni e isolamento diplomatico della Russia, non hanno violato le sanzioni occidentali relative alla consegna di componenti specifici a Mosca. Inoltre, anche la maggior parte dei paesi della regione si è astenuta dal sostenere l’iniziativa di sospendere l’adesione della Russia al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, ad eccezione della Libia, che ha sostenuto la rispettiva risoluzione.

Con lo sviluppo della guerra, la Turchia e i paesi del Golfo del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC)[2] hanno registrato un trend di eccezionale crescita della cooperazione economica con la Russia, mentre Iran e Algeria hanno promosso anche la cooperazione militare.

Una delle maggiori ripercussioni della guerra in Medio Oriente fu l’emergere di divisioni economiche tra i paesi della regione. Mentre a causa della guerra la maggior parte dei paesi del Golfo ha ottenuto profitti record dall’esportazione di gas e petrolio, alcuni paesi della regione sono alle prese con una grave crisi economica causata dagli alti prezzi dell’energia e dei generi alimentari. Ciò vale in particolare per Egitto, Giordania, Tunisia e Libano. La Turchia ha registrato un’inflazione record nonostante la crescita delle esportazioni. La crisi economica in Iran è sempre più legata all’aumento delle sanzioni, non alla guerra.

I timori di Washington sull’espansione dell’influenza russa e cinese in Medio Oriente

La guerra Russia-Ucraina, in combinazione con l’escalation delle relazioni USA-Cina su Taiwan, la competitività e gli interessi economici, hanno rallentato il ritiro degli Stati Uniti dalla loro tradizionale responsabilità in materia di sicurezza in Medio Oriente. In questo momento, una priorità della politica estera degli Stati Uniti è ridurre l’espansione dell’influenza di Russia e Cina in Medio Oriente e garantire che le relazioni tra la regione e Pechino e Mosca rimangano lontane dagli aspetti strategici, militari e tecnologici. Attualmente Washington si sforza di creare un ambiente geopolitico pacifico in Medio Oriente ed evitare di mettere a dura prova le relazioni con i suoi alleati nella regione, in modo che possa concentrarsi sulla guerra Russia-Ucraina e sul confronto con la Cina.

In tale contesto, nel quadro della strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti[3], pubblicata nell’ottobre 2022, ha delineato la sua politica e i suoi obblighi nei confronti del Medio Oriente. Il documento si compone di cinque capitoli ed è incentrato sulla continuazione del ruolo di sicurezza degli Stati Uniti nella regione, compresa la promozione dell’integrazione regionale (instaurazione di relazioni diplomatiche degli stati arabi con Israele), la protezione dei suoi alleati dalle minacce regionali, nonché il rafforzamento del sodalizio risalente alla seconda guerra mondiale.

Le relazioni tra Stati Uniti e GCC hanno visto molti alti e bassi. Il documento più importante sono gli obblighi e gli impegni ufficiali degli Stati Uniti per la sicurezza nel Golfo registrati nella dottrina della presidenza Jimmy Carter del 1980[4], che riconosceva l’importanza e il ruolo centrale della regione del Golfo Arabo per la sicurezza e gli interessi nazionali degli Stati Uniti , così come la disponibilità a usare la forza militare per proteggere gli interessi degli Stati Uniti nella regione. Ciò ha inviato un chiaro messaggio all’Unione Sovietica in seguito all’occupazione dell’Afghanistan nel dicembre 1979.

Negli ultimi due decenni le amministrazioni statunitensi hanno ridotto il loro interesse per il Medio Oriente e gli stati arabi del Golfo Persico, a causa di ciò che le relazioni hanno continuamente oscillato. Alcuni analisti ritengono che la ragione risieda nella “stanchezza della guerra” degli Stati Uniti dalle due principali guerre in Afghanistan e Iraq. Si sono ritirati dal primo il 30 agosto 2020 senza alcun annuncio speciale e sorprendendo i loro alleati che gli Stati Uniti sono pronti in un attimo a lasciare un paese. Nel caso dell’Iraq, gli americani hanno lasciato il paese all’Iran dopo l’invasione. Quindi la formula del “petrolio del Golfo in cambio della protezione degli Stati Uniti”, che è stata alla base delle relazioni tra Stati Uniti e Golfo negli ultimi otto decenni, non è più applicabile.

Al giorno d’oggi, c’è un numero crescente di disaccordi e scontri nei rapporti tra i paesi del Golfo e l’amministrazione Biden, in particolare con l’Arabia Saudita per quanto riguarda l’aumento della produzione di petrolio all’interno del gruppo OPEC Plus, che include la Russia, e il suo rifiuto di aumentare la produzione di petrolio, come richiesto dal presidente Joseph Biden per indebolire la Russia. L’Arabia Saudita non solo non ha accettato di aumentare la produzione, ma ha drasticamente abbassato la sua quota di esportazione. In effetti, lo ha fatto di concerto con la Russia. Biden ha minacciato pubblicamente di riconsiderare i rapporti con l’Arabia Saudita, ma non ha potuto fare molto. Vale a dire, l’intelligence trapelata ha rivelato che l’Arabia Saudita aveva avvertito gli Stati Uniti che avrebbe pagato un alto prezzo economico se lo avesse fatto. Questo è stato un precedente nelle relazioni tra due alleati fino a poco tempo fa.

Nel marzo 2023, l’Arabia Saudita ha accettato la mediazione della Cina nella normalizzazione delle relazioni con l’eterno rivale Iran e nel ripristino delle relazioni diplomatiche. Questa è stata una vittoria della diplomazia cinese nel cuore della zona di interessi americana nel Golfo Persico.

Non sarebbe realistico aspettarsi di vedere la fine dell’equazione “petrolio del Golfo in cambio della protezione degli Stati Uniti”, perché per il momento non ha alternative. Non ci si dovrebbe nemmeno aspettare che nel prossimo futuro Cina e Russia diventino un’alternativa nella regione in cui gli Stati Uniti hanno dozzine delle loro basi militari che vanno dal Kuwait all’Oman con circa 40.000 soldati. Le armi del Golfo sono prevalentemente di origine statunitense. Di conseguenza, questa realtà continuerà nel prossimo futuro, mentre i paesi del CCG, guidati dall’Arabia Saudita, perseguiranno sempre più un approccio multipolare nelle loro relazioni con le maggiori potenze. Pertanto, ci si può aspettare la diminuzione e la fine dell’era unipolare degli Stati Uniti e del monopolio sulla sicurezza del Golfo.

Influenza geopolitica della Cina in Medio Oriente

La Cina sta cercando di rafforzare la sua influenza geopolitica nella regione del Medio Oriente. Rimane interessata a due cose: una, rafforzare le sue relazioni con l’Arabia Saudita e l’Iran, in quanto i due paesi più grandi e ricchi del Golfo. Pechino ha raggiunto un traguardo importante con la sua mediazione dell’accordo sulla normalizzazione delle relazioni tra Arabia Saudita e Iran. La seconda cosa è che questo non cambia la formula della sicurezza regionale in Medio Oriente, che è ancora basata sul ruolo degli Stati Uniti. Vale a dire, Pechino beneficia del ruolo che Washington ha nella regione come garante della sicurezza e della stabilità, perché consente alla Cina di perseguire i propri interessi economici senza impegnarsi in costosi e pericolosi accordi di sicurezza.

L’Arabia Saudita e la Cina hanno forti relazioni economiche, in particolare nel campo dell’energia, perché il Regno è il maggior partner di Pechino in Medio Oriente ed è il primo esportatore di petrolio verso la Cina, lasciando dietro di sé anche la Russia, partner strategico di Pechino.

Lo scambio commerciale tra la Cina e gli stati arabi è salito a un livello record nel 2022 e ha totalizzato 431,4 miliardi di dollari, che rispetto ai 330,3 miliardi di dollari nel 2021 rappresenta un aumento del 31% (101 miliardi di dollari). Cina e Iran hanno un accordo strategico denominato “Comprehensive Strategic Partnership between I.R. Iran e R.P.Cina [5]” a partire dal 2020. La Cina investirà 400 miliardi di dollari USA nell’economia iraniana nei prossimi 25 anni, cioè durante il periodo dell’accordo, in cambio di una costante fornitura di petrolio dall’Iran con un forte sconto.

Incoraggiata dai risultati della sua mediazione tra Arabia Saudita e Iran, la Cina ha lanciato la sua iniziativa di pace per la guerra Russia-Ucraina. C’è anche l’ultima iniziativa di pace per la disputa israelo-palestinese. La Cina ha invitato il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas a visitare Pechino il 13 giugno 2023. Questa visita ad alto livello è una visita di Stato. Non si tratta di fare la pace, ma di rafforzare la posizione della Cina nel mondo. Vale a dire, la Cina vuole dimostrare il suo potere e dimostrare che gli Stati Uniti sono “già indeboliti”.

L’ultimo sforzo diplomatico di Washington nei confronti di israeliani e palestinesi risale al 2013 e si è concluso senza successo. La massiccia espansione degli insediamenti nella Cisgiordania occupata negli ultimi 10 anni rende la continuazione dei colloqui di pace e il raggiungimento di una soluzione duratura basata su un accordo, secondo la quale due stati vivrebbero uno accanto all’altro – “la soluzione dei due stati” [6] – impossibile. La politica israeliana sta diventando sempre più a favore della destra, mentre l’autorità palestinese sta perdendo legittimità, poiché dal 2006 non si tengono elezioni e il livello di corruzione e repressione da parte dei suoi organi di sicurezza è elevato. Gli osservatori palestinesi ritengono che questa visita e l’attenzione di alto livello prestata ad Abbas sia diretta a migliorare la posizione del presidente cinese Xi Jinping e lo ritragga come uno statista globale. Pertanto, non sono previsti passi avanti diplomatici.

Attualmente, le relazioni tra Cina e Israele sono fredde, poiché Israele è molto preoccupato per le relazioni della Cina con l’Iran. Nella sua politica estera Israele è ancora legato agli Stati Uniti, a seguito di ciò che Israele aveva condannato la politica della Cina nei confronti degli uiguri. Pechino ha risposto condannando la politica di Tel Aviv sulle aree palestinesi occupate, le operazioni militari e l’assedio della Striscia di Gaza. Non ci sono prerequisiti o basi perché la pace diventi una realtà nel prossimo futuro e Pechino ne è consapevole. Tuttavia, questa è una questione di posizione della Cina come amica globale dell’Islam e degli arabi, nonostante ciò che sta accadendo ai musulmani uiguri in Cina.

Tra Occidente e Russia: il bilanciamento israeliano

Israele ha cercato di mantenere un equilibrio nelle sue relazioni con la Russia e l’Occidente, come risultato di ciò che ha dovuto fare alcune scelte difficili. Ha evitato di prendere posizioni forti contro la Russia, nonostante la condanna dichiarativa dell’invasione russa dell’Ucraina all’ONU. Inoltre, Israele ha anche evitato di aderire alle sanzioni occidentali contro la Russia e fornisce un modesto sostegno diplomatico e umanitario all’Ucraina, solo su richiesta e insistenza degli Stati Uniti.

Israele vuole mantenere una forte intesa sulla sicurezza con Mosca in Siria e un ulteriore coordinamento con la Russia, che controlla lo spazio aereo siriano. Per Israele questo problema è una priorità di sicurezza, poiché dà a Israele la libertà di lanciare attacchi aerei contro obiettivi iraniani in Siria, limitando così le crescenti minacce militari iraniane a Israele dalla Siria.

Il livello delle tensioni tra Russia e Israele continuerà ad essere legato ai due fattori principali della guerra:

  1. Livello di sviluppo delle relazioni Russia-Iran, poiché il rafforzamento delle relazioni tra i due Paesi potrebbe portare Mosca a imporre alcune restrizioni alle attività israeliane in Siria e impedire che prenda di mira le infrastrutture iraniane in Siria. Inoltre, approfondimento della cooperazione militare tra Mosca e Teheran. Nello specifico, se la Russia avesse già fornito una parte dei 73 caccia Su-35 (Su-35 Flanker M) concordati e della tecnologia missilistica di generazione V, ciò significherebbe un potenziamento delle capacità offensive iraniane, che aumenterebbe il rischio e le minacce iraniane a la sicurezza di Israele.
  2. Livello di supporto militare e tecnico che Israele può fornire a Kiev. Nel febbraio 2023, il ministro degli Affari esteri israeliano Eli Cohen ha annunciato durante la sua visita a Kiev che Israele assisterà l’Ucraina nello sviluppo di sistemi di allarme rapido intelligenti per il rilevamento di missili. A dire la verità, questo sistema non regge il confronto con il sistema Iron Dome all’avanguardia di Israele, su cui l’Ucraina ha insistito dallo scoppio della guerra, mentre Israele non desidera in alcun modo fornire all’Ucraina tali sistemi.

Nei primi giorni della guerra nel 2022, l’allora primo ministro israeliano Naftali Bennett guidò, parallelamente al presidente turco Recep Tayyip Erdogan, una missione di pace con un discreto successo tra Mosca e Kiev. Tuttavia, come confermato dall’allora primo ministro israeliano nel febbraio 2023, le potenze occidentali avevano bloccato l’iniziativa di pace [7].

La Turchia rafforza la sua posizione geopolitica a livello internazionale

La politica turca nei confronti della guerra in Ucraina è riuscita a raggiungere una difficile formula di bilanciamento tra i desideri delle due parti belligeranti. La Turchia ha riaffermato l’importante posizione geopolitica che ha per l’Occidente come importante paese membro della NATO da un lato, così come il mantenimento di benefiche relazioni economiche e amichevoli con la Russia dall’altro. Gli sforzi diplomatici internazionali intrapresi da Ankara durante la guerra hanno anche favorito la posizione della Turchia come potente mediatore tra l’Occidente e la Russia, perché era riuscita a persuadere la Russia sui vantaggi dell’accordo sull’esportazione di grano del luglio 2022, che era prevalentemente mediato da Ankara. La Turchia ha anche ospitato un raro incontro dei direttori dei servizi di intelligence statunitensi e russi nel novembre 2022, prima di quello che la Turchia ha anche assistito allo scambio di 270 prigionieri tra Russia e Ucraina.

Prima dello scoppio della guerra, la politica turca mirava a garantire benefici economici sotto forma di un afflusso continuo non solo di turisti russi, ma anche di uomini d’affari e investitori russi, che potevano trovare in Turchia un ambiente di business adeguato data l’attuale situazione in cui le sanzioni occidentali hanno causato danni anche ai cittadini russi. D’altra parte, al posto delle sanzioni occidentali contro la Russia, l’approccio turco è un’opportunità per la Russia di mantenere alcune importanti amicizie in Europa, che è un utile canale per la gestione dei suoi interessi tattici e un’alternativa alla chiusura del mercato europeo mercato. Inoltre, la Turchia è anche un importante hub per l’esportazione russa di energia.

In generale, la politica turca di “approccio equilibrato” alla guerra in Ucraina dovrebbe essere vista nel contesto degli sforzi di Ankara per stabilire una politica estera indipendente dall’Occidente, ma allo stesso tempo non ostile nei suoi confronti.

Tuttavia, non ha intenzione di ritirarsi dall’alleanza militare strategica con l’Occidente. In effetti, anche il condizionamento turco del suo accordo all’integrazione della Svezia nella NATO può essere compreso nel quadro delle aspirazioni di Ankara che tutti i membri della NATO assumano una posizione positiva sulla sua sicurezza nazionale.

Ankara inoltre non intende limitare le sue elaborate relazioni economiche con l’Occidente. Türkiye, infatti, sta già lavorando attivamente per rafforzare le sue relazioni economiche e di sicurezza con i partner occidentali, ma si sforza anche di diversificare le sue relazioni al fine di ridurre le possibilità di essere esposta ugualmente alle pressioni dei suoi alleati e avversari.

L'(auto)isolamento americano

Gli Stati Uniti hanno commesso gravi errori in Medio Oriente al punto da minare inconsapevolmente la loro egemonia e optare per l’isolamento. Ciò minaccia di ridurre ulteriormente l’influenza degli Stati Uniti, in particolare negli stati arabi del Golfo, a causa di ciò che il compito di ottenere la fiducia della regione è stato reso più difficile.

L'(auto)isolamento americano ha enormi conseguenze per il ruolo guida degli Stati Uniti in Medio Oriente. Ciò ha portato a un vasto vuoto di potere. Mentre la Russia si sforza di colmare il vuoto in paesi come Siria, Libia, Sudan, ecc., potenze regionali come Iran, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Turchia mirano a ottenere una maggiore influenza all’interno dell’ex zona di interesse degli Stati Uniti.

Se i Paesi della regione non vedono un ruolo attivo degli Stati Uniti nelle garanzie di sicurezza e non sono rassicurati sulla durata del sostegno statunitense (in modo che il caotico ritiro da Kabul nel 2021 non si ripeta), dovranno naturalmente cercare altri potenziali partner e alleati.

Lubiana/Washington/Bruxelles/Kiev, 19 giugno 2023

Link originale: 2023 Ukraine Crisis: Implications of Russia-Ukraine War on Middle East

Fonti
  1. IFIMES – L’International Institute for Middle East and Balkan Studies (IFIMES) di Ljubljana, Slovenia, ha uno status consultivo speciale presso il Consiglio economico e sociale (ECOSOC)/ONU dal 2018. È anche l’editore della rivista scientifica internazionale rivista Prospettive europee.
  2. Gulf Cooperation Council (GCC), è un’unione regionale, intergovernativa, politica ed economica degli stati arabi del Golfo Persico: Bahrein, Kuwait, Oman, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, link: www.gcc- sg.org/en-us/AboutGCC/Pages/Primarylaw.aspx
  3. “La Strategia di sicurezza nazionale del 2022 delinea come la mia amministrazione coglierà questo decennio decisivo per far avanzare gli interessi vitali dell’America, posizionare gli Stati Uniti per superare in astuzia i nostri concorrenti geopolitici, affrontare le sfide condivise e impostare il nostro mondo saldamente sulla strada verso un mondo più luminoso e più domani speranzoso”, link: www.whitehouse.gov/wp-content/uploads/2022/10/Biden-Harris-Administrations-National-Security-Strategy-10.2022.pdf
  4. The Carter Doctrine 1980, link: https://web.archive.org/web/20120915113622/http://www.jimmycarterlibrary.gov/documents/pddirectives/pd63.pdf
  5. Partenariato strategico globale tra I.R. Iran, R.P. cinese, link: https://rasanah-iiis.org/english/wp-content/uploads/sites/2/2021/04/The-Iran-China-25-Year-Comprehensive-Strategic-Partnership-Challenges -e-Prospettive.pdf
  6. Soluzione dei due stati, link: www.britannica.com/topic/two-state-solution
  7. L’ex primo ministro israeliano afferma che la pace Russia-Ucraina è stata bloccata dalle potenze occidentali, link: www.hungarianconservative.com/articles/current/russia_ukraine-peace_blocked_western_powers_naftali_bennett_mediationraeli-prime-minister-claims/

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato
Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao
Scopri altri articoli
L’Enigmatico n35

τοῖς δ ̓ ἔνι κοκκυστῆς ὀχλολοίδορος Ηράκλειτος αινικτὴς ἀνόρουσε «E tra loro con alta voce Eraclito si levò, sferza del