Roger Eddé: “La presenza di milizie armate illegali mina le basi dello stato”

Condividi articolo:

SEGUICI SU TELEGRAM:

Roger Eddé, fondatore del Partito della Pace, torna su una delle sue proposte: “Chiudere la stagione del settarismo e trasformare il Libano in uno stato federale”

Ancora una volta l’Avvocato Roger Eddé, fondatore del Partito della Pace, interviene per denunciare la presenza di milizie armate sul territorio libanese. “Queste milizie illegali danneggiano l’immagine del Libano nel mondo, minano le basi della convivenza e dello stato di diritto, svuotano di senso la nazione” dichiara su Aliwaa.

Come già detto anche in un’intervista su Il Tazebao, Eddé chiede che le Nazioni Unite dichiarino stato fallito il Libano e che si istauri un governo di transizione, composto da “personalità competenti e senza legami con l’attuale sistema”. Un governo chiamato a una radicale riforma politica ed economica: “Bisogna andare verso una forma di governo decentralizzata e federale, mandando in archivio la stagione del settarismo e liberalizzare l’economia”. La centralizzazione, che ha soppresso il naturale policentrismo libanese, tutela “un sistema dominante che agisce come le organizzazioni mafiose, che si basano su controllo e chi disubbidisce al Padrino…”

In un precedente intervento sempre su Aliwaa l’Avvocato Eddé ha parlato delle Istituzioni libanesi, o di ciò che ne rimane: Decentramento, indipendenza della magistratura e ruolo dell’esercito. Interviene Roger Eddé – Il Tazebao


Resta sempre aggiornato con Il Tazebao

Unisciti al gruppo Telegram per ricevere i nostri approfondimenti appena usciti. Instagram sarà il nostro supplemento fotografico. I video animano il nostro canale YouTube. Infine, inviando una mail all’indirizzo della redazione (redazione@iltazebao.com) puoi ricevere la newsletter settimanale.

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli