“Qualsiasi governo è meglio di nessun governo…”

Condividi articolo:

SEGUICI SU TELEGRAM:

“Governo Mikati già mostra le crepe. Le elezioni a marzo? Un tentativo di frenare la partecipazione. Magistratura ed esercito, gli ultimi bastioni rimasti”

A colloquio, per la seconda volta (il primo dialogo), con Georgi Azar, giornalista libanese di Arab News, sulla situazione di paralisi politica che il suo paese sta vivendo. Dalla formazione del governo Mikati, al potere di Hezbollah, al presidente francese Emmanuelle Macron che gioca su due tavoli contemporaneamente per salvaguardare i rapporti economici della Francia con la Repubblica Islamica, fino al ruolo del giudice Bitar.

I libanesi saranno chiamati presto alle urne? E cosa cambierà questa volta? Come è nato il governo Mikati e qual è la composizione dell’arco parlamentare? Cosa aspettarsi dal nuovo governo?

“Il governo Mikati si è formato 13 mesi dopo le dimissioni dell’ex premier Hassan Diab. È nato dopo che sia Mustapha Adib sia Saad Hariri non sono riusciti a venire a patti con il presidente Michel Aoun, con Mikati che sembra aver dato ad Aoun le concessioni che lui e suo genero volevano. Inoltre, è arrivato in una sorta di accordo regionale tra Francia e Stati Uniti che qualsiasi governo è meglio di nessun governo. È composto principalmente dai gruppi FPM, Hezbollah e Amal e dai loro alleati. Non possiamo aspettarci molto dal governo. È stata solo un’iniezione di morfina che è durata alcune settimane prima che le crepe cominciassero a mostrarsi, e queste crepe si sono solo intensificate. Il governo è paralizzato da oltre due settimane da quando Hezbollah ha giurato di “rimuovere il giudice Bitar” e ora affronta una crisi diplomatica senza precedenti con il Golfo”.

Il peso di Hezbollah nel governo. Perché vogliono elezioni anticipate?

“Non si può misurare il peso di Hezbollah nel governo in base al numero di ministri che ha. Tecnicamente, Hezbollah ha 2 o 3 ministri, ma la sua influenza va oltre. Hezbollah non vuole elezioni anticipate. Al contrario, se Hezbollah avesse la meglio, insieme ai suoi alleati, annullerebbe le elezioni tutte insieme. Tentando di tenere le elezioni il 27 marzo, stanno cercando di testare il terreno per cancellare le elezioni o almeno ostacolarne la partecipazione, sia per gli espatriati che per i residenti locali. Tenendo le elezioni in marzo, ci sarebbe meno tempo a disposizione per preparare il tutto e facilitare la partecipazione della diaspora, dato che questo richiede molto supporto finanziario e logistico. In termini di partecipazione locale, il tempo in marzo in Libano non è molto amichevole, con pioggia massiccia e neve nelle regioni più alte. Dato lo stato delle nostre infrastrutture, questo ostacolerebbe la partecipazione. Tutto sommato, tentare di tenere le elezioni a marzo è solo un tentativo di cancellare le elezioni tutte insieme”.

Perché l’influenza francese nel paese è diminuita drasticamente di fronte alla crescente interferenza iraniana? È solo a causa della presenza di Hezbollah? Cosa può fare l’Iran che la Francia non fa?

“L’influenza francese è diminuita davvero, ma non per mancanza di tentativi. Da quando il presidente francese Emmanuel Macron è venuto in Libano dopo l’esplosione del porto, i suoi tentativi di mettere a posto la classe politica dirigente non sono stati altro che un disastro. In primo luogo, ha dato loro legittimità incontrandoli tutti alla Residenza dei Pini dopo che l’avevano persa nelle strade. Secondo, potrebbe essere descritto come ingenuo, poiché ha creduto che la classe politica si sarebbe semplicemente riformata con la promessa di aiuti condizionati. In terzo luogo, Macron si preoccupa anche dei legami economici della Francia con l’Iran, impedendogli di prendere una posizione dura su Hezbollah”.

Parliamo un po’ del giudice Tarek Bitar: chi è e come sta conducendo le indagini. Chi lo sta ostacolando e perché?

“Il giudice Bitar è il secondo giudice investigativo che si occupa dell’esplosione del porto di Beirut, dopo che il suo predecessore Fadi Sawan è stato rimosso a seguito di una campagna di coloro che voleva interrogare. Questo include l’ex ministro delle finanze Ali Hassan Khalil (Amal), l’ex ministro dei lavori pubblici Youssef Fenianos (Marada) – entrambi sanzionati dagli Stati Uniti per favoreggiamento di Hezbollah – e l’ex ministro degli interni Nohad Machnouk. Bitar ha continuato le indagini ma ha affrontato una campagna ancora più feroce da parte del duo sciita di Hezbollah e Amal, anche se nessun funzionario di Hezbollah è stato preso di mira da Bitar. Questo solleva molte domande sulla trepidazione e il desiderio di Hezbollah di rimuovere Bitar. Il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha accusato pubblicamente Bitar di parzialità e di essere un agente americano in 3 diverse occasioni, ha mandato il suo secondo in comando a minacciare Bitar e ha tenuto una massiccia protesta che è finita in un bagno di sangue”.

Come può il mondo aiutare il Libano?

“Il mondo può aiutare il Libano rendendosi conto che è sotto un’occupazione de facto da parte di un gruppo paramilitare iraniano chiamato Hezbollah, che si vanta orgogliosamente e pubblicamente del fatto che le sue armi e il suo denaro provengono dalla Repubblica Islamica. Dopo aver preso il controllo della maggior parte delle istituzioni libanesi, il gruppo ha ora messo gli occhi sul sistema giudiziario. La magistratura e l’esercito libanese sono i due bastioni rimasti che non sono caduti”.

English version

How did the Mikati government come about and what is the composition of the parliamentary arc? What to expect from the new government?

“The Mikati government came 13 months after the resignation of former PM of Hassan Diab. It came after both Mustapha Adib and Saad Hariri failed to come to terms with President Michel Aoun, with Mikati seemingly giving Aoun the concessions that he and his son-in-law wanted. Also, it came in a sort of a regional accord between France and the US that any government is better than no government at all. It is mainly composed of FPM, Hezbollah, and Amal groups and their allies. We can’t expect much from the government. It was merely a morphine shot that lasted a few weeks before cracks began to show, and these cracks have only intensified. The government has been paralyzed for over two weeks since Hezbollah vowed to “remove Judge Bitar” and now faces an unprecedented diplomatic crisis with the Gulf”.

The weight of Hezbollah inside the government. Why do they want early elections?

“One cannot measure Hezbollah’s weight in the government based on the number of ministers it has. Technically, Hezbollah has 2 or 3 ministers but its influence goes beyond that. Hezbollah doesn’t want early elections. Quite the contrary, if Hezbollah had its way, along with its allies, they would cancel elections altogether. By attempting to hold elections on the 27th of March, they are attempting to set the stage to cancel the elections or at least hinder participation, whether for ex-pats or local residents. By doing them in march, less time would be available to prepare elections for the diaspora, as this needs a lot of financial and logistical support. In terms of local participation, the weather in March in Lebanon is not very friendly, with massive rain and snow in higher regions. Given the state of our infrastructure, this would hinder participation. All in all, attempting to hold the elections in March is just an attempt to cancel elections altogether”.

Why has French influence in the country declined dramatically in the face of increasing Iranian interference? Is it only due to the presence of Hezbollah? What can Iran do that France does not?

“French influence has declined indeed, but not for a lack of trying. Ever since French President Emmanuel Macron came to Lebanon following the port blast, his attempts at putting the ruling political class in place have been nothing short of a disaster. First, he gave them legitimacy by meeting with all of them at the Pine Residence after they had lost it in the streets. Second, it could be described as naïve, as he believed that the political class would simply reform itself with the promise of conditional aid. Third, Macron is concerned as well with France’s economic ties with Iran, preventing him from taking a hard-line stance on Hezbollah”.

Let’s talk a little about Judge Tarek Bitar: who he is and how he is conducting the investigation. Who is obstructing it and why?

“Judge Bitar is the second investigative Judge to be handling the Beirut port explosion, after his predecessor Fadi Sawan was removed following a campaign by those he wanted to question. This includes former Finance Minister Ali Hassan Khalil (Amal), former Public Works Minister Youssef Fenianos (Marada) – both sanctioned by the US for aiding and abetting Hezbollah – and former Interior Minister Nohad Machnouk. Bitar has been continuing the investigation but has faced an even more vicious campaign by the Shiite duo of Hezbollah and Amal, even though no Hezbollah official has been targeted by Bitar. This raises a lot of questions over Hezbollah’s trepidation and desire to remove Bitar. Hezbollah’s leader Hassan Nasrallah has publicly accused Bitar of bias and being an American agent on 3 different occasions, has sent his second in command to threaten Bitar, and held a massive protest that ended in bloodshed”.

How can the world help Lebanon?

“The world can help Lebanon by realizing that it is under a de facto occupation by an Iranian paramilitary group called Hezbollah, which proudly and publicly boasts that its arms, weapons, and money come from the Islamic Republic. After taking over most of Lebanon’s institutions, the group now has its sights set on the judiciary. The judiciary and the Lebanese army are the two remaining bastions that haven’t fallen”.


Resta sempre aggiornato con Il Tazebao

Unisciti al gruppo Telegram per ricevere i nostri approfondimenti appena usciti. Instagram sarà il nostro supplemento fotografico. I video animano il nostro canale YouTube. Infine, inviando una mail all’indirizzo della redazione (redazione@iltazebao.com) puoi ricevere la newsletter settimanale.

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli