Firenze – Beirut. A colloquio con Georgi Azar (Arab News)

Condividi articolo:

SEGUICI SU TELEGRAM:

Una chiacchierata con Georgi Azar, un giornalista americano-libanese, che abita a Beirut e scrive per Arab News e precedentemente per L’Orient Today e An-Nahar.

Com’è la situazione politica attuale in Libano? Quali sono le maggiori difficoltà che impediscono la formazione di un governo?

“La nostra costituzione prevede che il presidente e il primo ministro designato si accordino insieme sulla composizione del governo. Sfortunatamente, non c’è una linea temporale o una scadenza che possa costringere entrambi al tavolo. Sono passati 10 mesi e sia il presidente Michel Aoun che il primo ministro designato Saad Hariri non sono riusciti a vedersi, e ognuno di loro si è concentrato sui propri calcoli individuali. Nel caso di Aoun e di suo genero Gebran Bassil, una speranza presidenziale dopo la fine del mandato di Aoun, gli osservatori hanno notato che stanno cercando di nominare un terzo dei ministri del governo per assicurarsi un terzo di blocco o un effettivo potere di veto. Controllando il governo, gli osservatori dicono che possono giocare un ruolo maggiore se le elezioni parlamentari previste per il prossimo anno non si terranno e ne conseguirà un vuoto presidenziale. Nel frattempo, Hariri è accusato di non voler formare un governo, dato il suo rapporto precario con l’Arabia Saudita. Gli osservatori lo accusano di non voler formare un governo prima di ricucire i rapporti con il Regno, poiché formare un governo senza il sostegno regionale, cioè finanziario, equivale a un suicidio politico, dato il collasso economico del Libano”.

Come ha affrontato il paese la pandemia? E com’è la situazione ora?

“La gestione della pandemia da parte del Libano può essere riassunta in tre periodi. Il primo periodo è subito dopo lo scoppio della pandemia, con il Libano che ha seguito l’esempio della maggior parte dei paesi e ha attuato un blocco totale, chiudendo il suo aeroporto per qualche tempo, poi ha richiesto quarantene obbligatorie, capacità limitata nei ristoranti, club chiusi ecc. Durante questo periodo, che è durato fino a ottobre, novembre 2020, direi, la situazione era relativamente stabile e gli ospedali stavano affrontando bene le infezioni quotidiane. Il secondo periodo, proprio prima di Natale, è quando le cose sono andate di traverso. Le autorità hanno deciso di allentare le restrizioni nel tentativo di attirare gli espatriati per rilanciare l’economia. Alcuni club al chiuso sono stati autorizzati ad aprire e la capacità di bar e ristoranti è stata aumentata dopo che il sindacato dell’ospitalità ha esercitato forti pressioni sui politici. Nei giorni dopo il Capodanno, le infezioni giornaliere hanno cominciato a salire alle stelle, raggiungendo circa 6.000-7.000 al giorno in poche settimane. Gli ospedali erano sull’orlo del collasso e un altro blocco di 24 ore è stato attuato per circa 2 o 3 mesi prima che la situazione fosse portata sotto controllo con l’avvio del programma nazionale di vaccinazione. La terza fase è quella a cui il Libano sta assistendo attualmente, che è relativamente stabile, i casi sono scesi a circa 100-150 al giorno e il lancio del vaccino procede senza problemi”. 

Perché l’economia è così stagnante da aver “costretto” il governo a imporre una tassa sulle chiamate WhatsApp nel 2019? Da cosa dipende principalmente l’economia del paese?

“L’economia è stata stagnante per anni, con il Libano che si è trasformato in un modello economico rentier. In sostanza, abbiamo fatto affidamento sulle rimesse degli espatriati per cercare di tenere sotto controllo il nostro deficit di bilancio e commerciale. Man mano che le relazioni con gli espatriati, il Golfo e la comunità internazionale nel suo complesso si inasprivano, dati gli sviluppi politici locali, la quantità di dollari in entrata non riusciva a tenere il passo con la quantità di dollari in uscita, che è quando le crepe hanno iniziato a mostrare, spingendo il governatore della banca centrale Riad Salameh a implementare schemi di ingegneria finanziaria per attirare ancora più dollari. Il castello di carta è crollato quando il governo ha preso la decisione di implementare una tassa sulle app, causando proteste di massa che hanno costretto le banche a chiudere per settimane. Giorni dopo, l’ammontare delle perdite subite dal settore bancario che ha indebitato lo stato per anni è diventato evidente, circa 120 miliardi di dollari.

Dalla fine della guerra civile, il Libano aveva una modesta produzione agricola e manifatturiera, ma come ho detto la sua economia dipendeva principalmente dalle rimesse estere della sua diaspora situata nel Golfo, in Africa e nel resto del mondo. Mi piace dire che la più grande esportazione del Libano è la sua gioventù e il suo talento”.

L’esercito libanese: l’influente generale Aoun e i finanziamenti internazionali. Soprattutto gli Stati Uniti e la Francia hanno annunciato grandi somme di denaro da destinare all’esercito libanese. Ci parli un po’ dell’importanza e della composizione, anche comunitaria, dell’esercito.

“L’esercito libanese, in sostanza, è l’ultima istituzione statale ancora in piedi, a malapena, ed è per questo che la comunità internazionale sta cercando di salvaguardarlo. È a corto di cibo, di rifornimenti e nelle ultime settimane e mesi sono emersi rapporti che suggeriscono un aumento del numero di diserzioni. L’esercito, per anni, è stato uno dei pochi simboli nazionali che tutti i libanesi, di tutte le regioni, possono sostenere, il che lo rende ancora più importante. Il suo ruolo di sicurezza interna non può essere sminuito. L’esercito libanese comprende libanesi di tutte le sette, cristiani, sunniti, sciiti e drusi, il che gioca anche un ruolo nel trasformarlo in un simbolo nazionale di unità. Sono certo che la comunità internazionale vorrebbe evitare la disintegrazione dell’esercito e una ripetizione di ciò che è successo nella guerra civile, quando l’esercito è crollato e i suoi membri si sono uniti alle loro rispettive milizie settarie”.

Hezbollah è un attore di un certo peso nello scenario istituzionale libanese. Come può essere posizionato? (Mi spiego meglio: non possiamo considerarlo un’istituzione “in regola” a tutti gli effetti, ma nemmeno un’organizzazione da trascurare).

Hezbollah detiene attualmente il peso maggiore nel panorama politico locale. Nel corso degli anni, dal 2005, è riuscito a trasformarsi nel sovrano di fatto del Libano, tenendo l’ultima parola su questioni di pace, guerra e sicurezza ecc, mentre delegava i compiti più “mondani” che riguardano il governo, l’economia e simili ai suoi alleati locali. Sfortunatamente, l’alleanza tra mafia e milizia, come diversi analisti l’hanno definita, si è rivelata fatale per il Libano. Nessuno dei due partiti o gruppi, incluso Hezbollah, è apparentemente disposto ad assumersi la responsabilità della crisi o ad offrire soluzioni praticabili, poiché ciò significherebbe intaccare i loro guadagni politici e la loro posizione. Ciò che è interessante è che Hezbollah, che ha a lungo inveito contro l’Occidente e i suoi “tentativi di interferire negli affari libanesi”, sta aprendo se stesso e il Libano a tali tentativi stando in disparte mentre il collasso economico e della sicurezza accelera”.

La tragica esplosione del porto nell’agosto 2020: chi sono i colpevoli, se possono essere identificati? Come ha fatto l’intero paese ad affrontare una tale tragedia?

“Questa è una domanda difficile perché l’indagine è avvolta nel mistero e impantanata da interferenze politiche. Tuttavia, ciò che i giornalisti investigativi hanno scoperto è che il nitrato di ammonio è stato acquistato da un noto associato del presidente siriano Bashar Al-Assad. L’indagine, ora condotta dal giudice Tarek Bitar, sta cercando di capire chi ha permesso o spianato la strada per lo stoccaggio del nitrato nel porto e chi sapeva che era stato conservato lì per tutti quegli anni. L’esplosione è stata forse l’evento più devastante che ha colpito il Libano dalla guerra civile ed è stata una pillola difficile da inghiottire data la nostra consapevolezza che la giustizia molto probabilmente non sarà mai servita. Ciò che ha scaldato il cuore, tuttavia, è stato il modo in cui i libanesi di tutte le classi sociali e regioni si sono uniti nell’immediato dopo, curando i feriti, offrendo riparo e provviste e aiutando nella pulizia di Beirut che era priva di qualsiasi aiuto governativo”.

Il nostro speciale sul Libano

Capitò un giorno di Fenici…rapida nave negra – Il Tazebao

Le altre interviste dell’autrice

Una (prima) guerra per l’acqua? Un colloquio a tuttotondo sull’Egitto e l’Africa con il Maggior Generale Dr. Sayed Ghoheim (IGSDA) – Il Tazebao

Firenze – Qatar – Ankara. A colloquio con il Professor Ali Bakır – Il Tazebao


Resta sempre aggiornato con Il Tazebao

Unisciti al gruppo Telegram per ricevere i nostri approfondimenti appena usciti. Instagram sarà il nostro supplemento fotografico. I video animano il nostro canale YouTube. Infine, inviando una mail all’indirizzo della redazione (redazione@iltazebao.com) puoi ricevere la newsletter settimanale.

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli