Firenze – Qatar – Ankara. A colloquio con il Professor Ali Bakır

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

SEGUICI SU TELEGRAM:

Una breve, ma molto utile chiacchierata con il dottor Ali Bakır, professore assistente di ricerca presso l’Ibn Khaldon Center for Humanities and Social Sciences dell’Università del Qatar, analista di rischio e consulente senior, sulla Turchia, la sua politica estera e il suo crescente peso sulla scena internazionale

La luna di miele con la Russia di Putin è già finita? L’Ucraina è davvero così importante per la Turchia? Perché questa brusca apertura all’America?

“Le relazioni tra Turchia e Russia sono spesso erroneamente etichettate come “alleanza” dai media occidentali per screditare Ankara e la sua appartenenza a organizzazioni occidentali come la NATO. In realtà, queste relazioni sono complicate e sono spesso influenzate da molte variabili, tra cui le relazioni tra Turchia e Stati Uniti, Turchia e UE. Ogni volta che gli alleati occidentali della Turchia cercano di esercitare pressioni su Ankara, cercano di ignorare i suoi interessi, o addirittura la isolano, spingono la Turchia nelle braccia della Russia.

Anche se Ankara beneficia del gas e dei turisti russi, i due paesi sono concorrenti e rivali in diversi teatri critici in Medio Oriente (Siria), nel Caucaso (Nagorno Karabakh) e in Nord Africa (Libia). Su tutti questi fronti, Ankara ha combattuto gli alleati della Russia e li ha sconfitti negli ultimi anni. In altre parole, Ankara è riuscita con successo – a volte attraverso la diplomazia e a volte attraverso operazioni militari – a fermare il progresso e l’espansione di Mosca in questi teatri da sola, senza il sostegno dei paesi occidentali e degli alleati.

Ecco perché, i paesi che temono l’agenda della Russia in Europa sono più inclini ora a cooperare con la Turchia. Per esempio, la Turchia è stato l’unico paese ad offrire all’Ucraina armi offensive di fronte all’aggressione della Russia. Ankara mantiene la sua posizione di non riconoscere l’annessione illegale della Crimea in Ucraina da parte di Mosca. Le relazioni politiche, economiche e di difesa tra Ankara e Kiev sono in aumento negli ultimi anni. Credo che queste relazioni continueranno a crescere soprattutto nel campo della cooperazione militare e della difesa, dove le due parti stanno cooperando in uno sforzo complementare e in progetti comuni”.

Perché Ankara vende i droni Bayraktar TB2 ai paesi della NATO – a quelli più ostili alla Russia?

“La Turchia sta avanzando recentemente nella costruzione di un’industria della difesa indigena affidabile ed efficace per raggiungere l’autarchia e soddisfare le sue esigenze critiche da fonti interne in modo da servire una politica estera più indipendente. Gli UCAV (veicoli aerei da combattimento senza equipaggio) sono una voce in una lunga lista di attrezzature militari strategiche e armi che Ankara sta producendo ultimamente. La storia di successo degli UCAV indigeni della Turchia è nata quando gli Stati Uniti hanno rifiutato di vendere al suo alleato NATO i droni per combattere il PKK, un’organizzazione terroristica designata da Stati Uniti, UE e NATO.

In meno di un decennio, la Turchia è riuscita a diventare una potenza di droni. Con i suoi droni efficaci, efficienti e letali, Ankara è stata in grado di ribaltare le sorti di alcune battaglie, stabilire le condizioni in altre, e alla fine ha guadagnato il sopravvento rispetto ai suoi rivali e nemici. La sua strategia dei droni l’ha aiutata a promuoversi come un alleato credibile e degno di fiducia. Ecco perché, quando paesi come la Francia credono che la NATO sia un’organizzazione “cerebralmente morta” e che la Russia dovrebbe essere incorporata in una struttura di sicurezza europea, i membri dell’UE e della NATO come la Polonia saranno più disposti a investire nelle loro relazioni di difesa con Ankara. Altri paesi europei come la Romania, la Bulgaria, l’Albania, l’Ungheria ecc. potrebbero presto seguire l’esempio”.

Aeroporto di Kabul: Erdoğan vuole sostituire gli Stati Uniti in Afghanistan? È un rischio che Ankara può correre? Quali sono stati e quali saranno in futuro i rapporti con i talebani, la forza dominante nel paese? Cosa spera di ottenere da questa operazione?

“La Turchia ha servito in Afghanistan nei ranghi della NATO nella Forza Internazionale di Assistenza alla Sicurezza (ISAF), e nella Missione di Sostegno Risoluto (RSM) attraverso una forza non combattente. La sua missione si è concentrata sull’aspetto umanitario, sulla costruzione e il mantenimento della pace e della sicurezza, e sull’addestramento dell’esercito e della polizia afgani. La Turchia ha addestrato più di 120’00 personale afghano e ha avuto esperienza nella messa in sicurezza e nella gestione dell’aeroporto di Kabul. Attualmente, ha tra i 500 e i 600 soldati lì. Durante la sua missione in Afghanistan, la Turchia riesce a conquistare i cuori e le menti degli afghani. Storicamente, l’Afghanistan è stato il secondo stato a riconoscere la Turchia indipendente. Le relazioni tra i due stati sono sempre state forti. Come stato a maggioranza musulmana con forti relazioni con il popolo afghano, la Turchia è all’altezza di un nuovo compito in Afghanistan, se sono garantite le condizioni adeguate al successo di questa missione.

L’aeroporto di Kabul è una struttura molto critica nel periodo successivo al ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan. Mettere in sicurezza l’aeroporto e le strade che portano ad esso incoraggerà le missioni diplomatiche a rimanere e a non lasciare il paese. Inoltre, permetterà alle organizzazioni non governative di continuare a lavorare e offrire i loro servizi agli afgani e mantenere il flusso degli aiuti al paese. Tuttavia, la domanda è: chi si incaricherà di questo compito? La Turchia si è offerta di svolgere questo compito se le sue condizioni saranno soddisfatte dagli Stati Uniti e dai suoi alleati. Ankara ha le condizioni politiche, finanziarie e logistiche per assicurare il successo di questa missione. Il presidente della Turchia, Recap Tayyip Erdoğan, ha chiesto al Pakistan e all’Ungheria di essere inclusi nella missione.

Ora, al di là dell’aeroporto in sé, credo che Ankara abbia tre motivi:

  1. Prendendo la sua influenza in espansione recentemente nel Caucaso e nell’Asia centrale, le sue forti relazioni con l’Azerbaigian, gli stati turchi e il Pakistan, è importante per la Turchia avere un punto d’appoggio in Afghanistan, data la sua centralità geografica in Asia centrale, e per evitare che i rivali di Ankara e Islamabad come l’Iran e l’India vi avanzino;
  2. Il ruolo suggerito aumenterà il valore della Turchia nella NATO come un membro efficace e capace che può eseguire missioni critiche che nessun altro membro può;
  3. Il ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan crea un vuoto. Altre nazioni concorrenti come la Cina e la Russia cercheranno di utilizzarlo. L’offerta della Turchia di proteggere l’aeroporto di Kabul nell’era post ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan permetterà agli Stati Uniti una presenza indiretta in Afghanistan e limiterà gli sforzi di Pechino e Mosca di avanzare in quel paese.

Naturalmente, l’offerta della Turchia sarà attuabile solo dopo che gli Stati Uniti saranno d’accordo sulle condizioni e la questione sarà discussa con il Pakistan e gli afghani in una fase successiva. Ankara spera che il Pakistan possa ancora aiutare a convincere i talebani dei benefici di tale passo per l’Afghanistan e il popolo afghano”.


Resta sempre aggiornato con Il Tazebao

Unisciti al gruppo Telegram per ricevere i nostri approfondimenti appena usciti. Instagram sarà il nostro supplemento fotografico. I video animano il nostro canale YouTube. Infine, inviando una mail all’indirizzo della redazione (redazione@iltazebao.com) puoi ricevere la newsletter settimanale.

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli