“Ogni vita merita un romanzo”: le connessioni tra letteratura e psicologia nel ciclo di incontri della Fondazione Ordine degli Psicologi

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

SEGUICI SU TELEGRAM:

“Ogni vita merita un romanzo” è una delle iniziative della Fondazione Ordine degli Psicologi della Toscana.

La letteratura ha da sempre una capacità introspettiva sui personaggi e quindi essenzialmente psicologica. Da oltre un secolo la letteratura ci ha dischiuso quello che a tutti gli effetti è un mondo complesso, articolato, problematico, sicuramente ricco che sta nel profondo di ognuno di noi. Un prisma fatto di emozioni, ricordi, traumi, cesure che si stratificano, si perdono e riaffiorano. E in un certo senso ognuno scrive il suo romanzo, che merita di essere letto. Da questa riflessione si sviluppa il ciclo di interviste sui canali social della Fondazione Ordine degli Psicologi della Toscana (di recente abbiamo ospitato la Presidente Maria Antonietta Gulino) chiamato “Ogni vita merita un romanzo”. I primi ad essere intervistati sono stati Donatella Di Pierantonio, Edoardo Nesi, Carmen Pellegrino, Francesca D’Aloja. Fin da questi primi incontri è emersa nei vari temi trattati, dalla famiglia alla tragedia della pandemia che tanto ci ha cambiato, quanto siano forti le connessioni tra letteratura e psicologia. Si tratta di una delle varie iniziative promosse, in questo momento in forma online, dalla Fondazione che ha cuore la divulgazione e la promozione culturale.

Le videointerviste al canale YouTube

Donatella Di Piarantonio: https://youtu.be/8XSbaFtv2cY
Edoardo Nesi: https://youtu.be/2J0B1vYVL2g
Carmen Pellegrino: https://youtu.be/TSZeber_v4k
Francesca D’Aloja: https://youtu.be/ffErNFCwAV0

Per saperne di più sul lavoro della Fondazione: http://www.fondazionepsicologi.it/

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli

Una storia di libertà

Quiriti, non è così facile rinunciare di netto e senza opporsi a una lunga e comune storia di libertà. Certo,