Afghanistan: il ritiro degli USA, il ritorno dei Talebani e l’ombra del Qatar. A colloquio con M. Nazmul Islam (Università Yildirim Beyazit)

Condividi articolo:

SEGUICI SU TELEGRAM:

Dialogo con il Dottor M. Nazmul Islam, ricercatore di Ankara presso l’Università Yildirim Beyazit di Ankara ed esperto dell’Asia meridionale

Può dirci brevemente come si sono formati i talebani?

“I Talebani sono un gruppo religioso locale di etnia Pashtun, fondato autorevolmente nel settembre 1994 a Kandahar, in Afghanistan, che governò l’Afghanistan dal 1996 fino all’invasione degli Stati Uniti nel 2001.  L’ideologia dei Talebani era influenzata dalla scuola di pensiero Deobandi e dalla sua politica basata sulle regole seguita dall’auto-stile della sharia islamica, in cui preferivano e interpretavano la legge secondo la propria comprensione dell’Islam; per esempio, decodificavano il codice tribale pre-islamico dei Pashtun e le interpretazioni della sharia enfatizzate dalle “austere dottrine Wahhabi dei benefattori sauditi delle madrase”.

Tuttavia, a parte la valutazione descrittiva, il disaccordo metodologico e la visione politica, i Talebani sono semplicemente un risultato finale del gruppo di Mujahideen aiutato da USA, Arabia Saudita e Pakistan, che ha combattuto contro l’occupazione sovietica in Afghanistan nel 1979.

Nel mondo accademico, la formazione dei Talebani si pone in due modi: un gruppo basato sulla religione o un gruppo basato sull’etnia, prevalentemente Pashtun. Il 75% della letteratura ha descritto i Talebani come un gruppo religioso fondamentalista, soprattutto nelle analisi dei media occidentali, nei rapporti o nelle discussioni teoriche, mentre in realtà questo gruppo si è organizzato e ha svolto le sue attività principalmente attraverso l’identità etnica, anche se la maggior parte dei suoi leader proveniva da una specifica identità etnica Pashtun della parte meridionale e orientale dell’Afghanistan.

Nel discorso dei Talebani, l’identità religiosa funzionava come fonte di legittimità, dando loro vaste opportunità di proteggere la loro influenza su tutti i gruppi etnici, anche nel loro stesso ciclo di leadership. Identificando la cultura religiosa dell’Afghanistan, un paese con circa il 99,7% di musulmani dove il 90% pratica l’islam sunnita, mentre circa il 10% è sciita, i Talebani hanno usato la legge islamica basata sulla Sharia per nascondere la loro egemonia etnica sull’arena politica e culturale dell’Afghanistan.

Molti rapporti e analisi classificano la formazione dei Talebani inizialmente assistita dagli Stati Uniti e dai servizi segreti pakistani durante i quattro anni di conflitto (1992-1996) tra i gruppi di mujaheddin rivali, creati principalmente contro l’Unione Sovietica e il regime di Mohammad Najibullah, sostenuto dai sovietici, anche se il Pakistan ha ripetutamente negato il fatto di non aver fatto parte della formazione dei Talebani, né di essere stato sponsorizzato dai Talebani, poiché sta affrontando il problema dei Talebani anche nella sua politica interna.

Tuttavia, cogliendo l’opportunità dello scontro interno dei gruppi mujaheddin, guerra civile inaspettata ma prevedibile, questa frazione dominata dai Pashtun entrò a Kabul nel settembre 1996. Dichiarò l’Afghanistan come un emirato islamico sotto la guida del mullah Mohammed Omar, un ecclesiastico basato sulle madrase dell’Afghanistan. Tuttavia, fino al 2001, i Talebani hanno controllato quasi il 90% dell’Afghanistan con la forza, usando l’identità etnica o utilizzando la loro versione ideologica morbida della dottrina wahabita dell’Islam.

Dal 2010, i talebani si sono impadroniti di molti territori, soprattutto nella parte meridionale e orientale dell’Afghanistan e hanno riacquistato la loro forza per sfidare l’attuale governo afgano legittimo, sostenuto dalla NATO e riconosciuto dall’ONU, anche per dar loro un posto influente per negoziare con gli USA e un accordo di pace con l’attuale governo”.

Quali aree del paese sono in mano ai talebani e quali intendono controllare?

“I talebani prendono di mira i luoghi centrali di tutti i distretti dell’Afghanistan, soprattutto le aree cittadine dei distretti afghani. Pretendono di catturare quasi l’85% dei distretti afghani, ma in realtà, quasi ogni distretto è ancora in lotta o in disputa con le forze governative. I talebani hanno un controllo sostanziale nel territorio rurale della parte meridionale e orientale dell’Afghanistan, ma prendono di mira soprattutto le aree cittadine; anche recentemente, hanno catturato alcuni dei territori settentrionali e occidentali, soprattutto nella parte di confine con l’Iran e il Turkmenistan.

Oltre ai territori controllati dall’etnia Pashtun, i Talebani gestivano gli altri territori etnici, in particolare quelli Tagiki, Uzbeki, Hazara e Turkmeni. I Talebani li hanno influenzati usando la bandiera religiosa, il denaro, la posizione o il potere. Hanno anche controllato i loro membri in alcune parti non controllate utilizzando il governo ombra. I Talebani desiderano controllare i territori settentrionali dell’Afghanistan e, di conseguenza, la loro intenzione è quella di tenere Kabul, perché sarà la porta finale per controllare tutto l’Afghanistan. Recentemente, l’attacco durante la preghiera dell’Eid mostra quanto siano disperati per controllare Kabul e i territori più vicini a Kabul, come Uruzgan, Kandahar, Baghlan, Kunduz e Mazar-i-Sharif etc”.

Qual è la posizione del “governo” afghano su questo? Qual è la relazione tra i Talebani e il governo centrale?

“Come ho detto prima, l’attuale governo afgano sta lavorando in due modi.

Nelle strategie tradizionali, stanno combattendo con le forze talebane per riconquistare i territori e lavorando con le forze della NATO per rimanere in Afghanistan e assisterle nella cattura delle terre dai talebani. Nei modi non tradizionali, il governo centrale sta usando il tono morbido della diplomazia con i talebani, come fare accordi di pace, rilasciare i membri talebani dalla prigione e creare un ambiente pacifico in cui sia gli Stati Uniti che il governo centrale possano negoziare con i talebani, giocando la carta win-win o strategie di gioco a somma zero, prendendo i loro grandi benefici dal tavolo delle trattative.

Perché una parte dei talebani è in Qatar? Qual è il ruolo del Qatar nella questione?

“Ci sarebbero tre fattori che influenzano i talebani in Qatar e il ruolo del Qatar nell’accordo di pace con i talebani, il governo afgano e gli USA. Il primo fattore è quello dei Talebani. È interessante notare che i Talebani scelgono individualmente il Qatar per aprire il loro ufficio politico, perché pensano che il Qatar sia più neutrale di qualsiasi altro stato come l’Arabia Saudita. I Talebani ritengono che il Qatar sia un luogo in cui possono vivere comodamente e negoziare pacificamente senza alcuna pressione extra e insolita che potrebbero avere, se scegliessero un terzo paese. Rispetto a tre paesi come il Pakistan, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, dove i Talebani hanno buone radici, scelgono comunque il Qatar perché è molto più equilibrato di questi tre paesi. I Talebani vogliono un posto dove otterranno la posizione, la casa e il denaro anche contemporaneamente; possono usare la loro identità islamica e la correttezza politica per raggiungere il loro interesse a breve, immediato e a lungo termine in Afghanistan. In queste tre categorie del piano, i Talebani pensano che il Qatar sia il luogo che li aiuterà spiritualmente e materialisticamente.

Il secondo fattore è l’interesse degli Stati Uniti. Da quando gli Stati Uniti hanno invaso l’Afghanistan nel 2001, i governi statunitense e afgano hanno cercato di contattare i talebani. Tuttavia, hanno fallito perché i Talebani governano il loro gruppo attraverso il sistema di governo ombra. Non era chiaro chi fosse il principale responsabile che i talebani potessero riconoscere come loro rappresentante per qualsiasi accordo e negoziazione con i governi statunitense o afgano. Tuttavia, dal 2012, utilizzando l’ufficio e il rappresentante in Qatar, gli Stati Uniti sono riusciti a riportare il sergente Bergdahl il 31 maggio 2014. Inoltre, le relazioni multidimensionali e intense del Qatar con gli Stati Uniti hanno spinto gli Stati Uniti a prendere in considerazione i colloqui del Qatar con i talebani.

Il terzo fattore è l’influenza soft power del Qatar nel mondo islamico, sui talebani e sul governo afgano in particolare.

Le esperienze precedenti del Qatar lo collocano anche in una posizione avanzata per affrontare questo conflitto prolungato. Hanno affrontato la crisi del Darfur in Sudan, le dispute palestinesi di Hamas e Fatah, il loro ruolo positivo durante la primavera araba, la Libia e la Siria. Inoltre, gli atteggiamenti generosi, neutrali ed equilibrati del Qatar ne fanno un attore influente tra i talebani e il governo dell’Afghanistan.

Pagano tutti i costi per i membri talebani che risiedono in Qatar, come il pagamento degli affitti delle loro case, compresi tutti i costi esterni di cui i talebani hanno bisogno in Qatar”.

Perché la Turchia vuole a tutti i costi controllare l’aeroporto di Kabul e perché i talebani si sono opposti? Ci parli brevemente delle relazioni storiche tra Turchia e Afghanistan.

“Non si tratta solo della Turchia che vuole rimanere o controllare l’aeroporto di Kabul. Molti paesi membri della NATO vogliono rimanere in Afghanistan. Paesi come la Norvegia e l‘Ungheria vogliono addirittura rimanere in Afghanistan. Infatti! Tutto dipende dall’interesse di ogni paese come vedono i talebani, gli Stati Uniti e l’accordo di pace del governo afgano. Tuttavia, nel caso della Turchia, cinque fattori influenzano la Turchia a rimanere in Afghanistan e a controllare l’aeroporto internazionale Hamid Karzai, non a tutti i costi ma a prezzi comprensibili e negoziabili con tutte le entità in Afghanistan.

In primo luogo, un beneficio win-win per la Turchia, l’attuale governo dell’Afghanistan, gli attori internazionali, le missioni diplomatiche, anche per i talebani. La presenza della Turchia all’aeroporto di Kabul può garantire un risultato reciprocamente vantaggioso per tutte le parti. Nel breve termine, può avere meno benefici per i talebani valutando la situazione attuale, ma in futuro i talebani beneficeranno della presenza della Turchia. Nelle relazioni internazionali, “fiducia” e “identità” sono strumenti essenziali per garantire l’impegno tra due paesi. La Turchia ha una posizione molto affidabile in Afghanistan; anche durante gli ultimi due decenni di guerra tra le forze NATO guidate dagli USA e i talebani, questi ultimi non hanno mai attaccato direttamente i soldati turchi. Anche guardando la recente opinione del portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid ha detto chiaramente che “vogliamo buone relazioni con la Turchia, la Turchia è nostro fratello, abbiamo molti punti in comune basati sulla fede. Vogliamo che la Turchia lasci il passato e torni al presente e al futuro. Dopo di che, possiamo chiedere il dialogo”. Inoltre, attualmente la Turchia ha solo 500 soldati in Afghanistan e non ha intenzione di aumentare il numero dei soldati, come ha detto il ministro della difesa turco, Hulusi Akar, nella sua recente dichiarazione sulla questione dell’Afghanistan, che è molto chiara: i talebani non devono preoccuparsi della presenza della Turchia all’aeroporto di Kabul. Recentemente, il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha detto che “… come i talebani hanno tenuto dei colloqui con gli Stati Uniti, dovrebbero tenere questi colloqui con la Turchia molto più comodamente. Perché la Turchia non ha nulla che contraddica le loro convinzioni”.

In secondo luogo, le precedenti esperienze della Turchia per controllare l’aeroporto internazionale Hamid Karzai. Dal 2016, la Turchia sta controllando principalmente l’HKIA, dando loro esperienze eccezionali per controllare di nuovo l’aeroporto, come quello anche sottolineato dal presidente turco, “Ora c’è una nuova era. Qui si vedono tre autorità: La NATO, l’America e la Turchia con loro. Ora l’America ha deciso di ritirarsi e ci ha chiesto di gestire l’aeroporto di Kabul, che abbiamo già gestito per 20 anni”.

In terzo luogo, la Turchia vuole riempire il vuoto di potere nella regione e vuole essere un partner strategico con tutte le potenze regionali come Cina, Russia, India e Pakistan. Come influente attore globale e potente paese emergente, la Turchia vuole riempire il posto offrendo la sua assistenza soft nell’aeroporto di Kabul, dove tutte le potenze globali o regionali vogliono lasciare l’Afghanistan o negoziare con i talebani. Dal 2001, la Turchia non è mai stata coinvolta in nessuna operazione militare in Afghanistan; ha solo addestrato i soldati afgani; anche l’attuale proposta è limitata alla protezione della sicurezza dell’aeroporto di Kabul e non parteciperà a nessuna operazione militare in Afghanistan. La cooperazione storica della Turchia, l’impegno politico, i partenariati economici, la comprensione diplomatica e le attrazioni culturali con il popolo afgano, hanno messo la Turchia in una posizione affidabile. La politica di Ankara nei confronti dell’Afghanistan è una politica a lungo termine che sta nella sicurezza della regione. Il lungo desiderio della Turchia di sostenere le sue relazioni con i paesi di origine turca, specialmente le zone di confine dell’Afghanistan come l’Uzbekistan, il Turkmenistan e il Tagikistan, può fornire un immenso vantaggio per lavorare a stretto contatto. L’attuale piano della Turchia nell’aeroporto di Kabul potrebbe mettere il loro amico di lunga data, il Pakistan, in una barca diversa. Ancora, per la futura profondità strategica, la forte presenza della Turchia in Afghanistan può aiutare il Pakistan e l’India a trovare una soluzione logica per la questione del Kashmir.

In quarto luogo, la presenza della Turchia nell’aeroporto di Kabul può estendere la posizione forte della Turchia al tavolo dei negoziati con gli Stati Uniti e i paesi membri della NATO. È molto chiaro che la Turchia sta attualmente affrontando un massiccio contraccolpo a causa della sua politica indipendente riguardo al Mar Mediterraneo, S-400, Libia e crisi siriana. La Turchia potrebbe usare questa opportunità come una strategia di gioco a somma zero contro l’Occidente.

Quinto, le continue influenze di soft power della Turchia in Afghanistan. Per la Turchia, i Talebani hanno una posizione vitale, ma quando si tratta delle relazioni Turchia-Afghanistan, il fattore Talebani è una questione secondaria, poiché la Turchia ha una posizione storicamente influente nella cultura, nella politica e nella diplomazia dell’Afghanistan. Come stato indipendente, le relazioni Turchia-Afghanistan risalgono agli anni ’20, ma le relazioni storiche sono state mescolate da diverse dinastie turche che governavano dall’Asia centrale all’Asia meridionale. Si può sostenere che le istituzioni turche hanno già una posizione di leadership affidabile in tutto il mondo grazie alle loro enormi attività umanitarie, aumentando il soft power e l’immagine positiva del paese nel mondo. L’assistenza calorosa a milioni di rifugiati siriani e afghani dal 2013, gli aiuti al Qatar in seguito al blocco da parte della coalizione a guida saudita l’anno scorso, la posizione sulla crisi dei rifugiati Rohingya e così via, sono tutte prove della posizione forte della Turchia quando si tratta di problemi umanitari. Inoltre, l’impatto culturale delle istituzioni del soft power turco in Afghanistan si sente attraverso le serie drammatiche e i film.

Non credo che i talebani si opporranno continuamente alla presenza della Turchia all’aeroporto di Kabul. Semplicemente, si oppongono alla presenza della Turchia nell’aeroporto di Kabul, perché la Turchia è un membro della NATO e sarà in Afghanistan a causa della NATO, quindi, possono temere che attraverso la Turchia, gli Stati Uniti o l’attuale governo afgano possono cogliere l’opportunità di rimanere a lungo o controllare l’Afghanistan per altri decenni. La Turchia vuole rimanere lì con altre entità della NATO per il proprio interesse, come l’Ungheria che mostra il suo interesse a rimanere con la Turchia per proteggere l’aeroporto di Kabul. Negli ultimi due mesi, i talebani hanno incontrato segretamente o apertamente molti attori internazionali influenti come Cina, India, Russia, Iran, Pakistan, ecc. Pertanto, credo che, piuttosto che la presenza della Turchia nell’aeroporto di Kabul, i talebani troveranno una soluzione concreta per lavorare con la Turchia in Afghanistan. Sarà un errore enorme per i talebani se continueranno la loro politica oppressiva come hanno fatto durante i loro cinque anni di regime in Afghanistan dal 1996 al 2001. È vero che i Talebani sono completamente indipendenti per la loro politica interna e domestica, ma devono avere solide relazioni esterne per sostenere la forte politica interna. In questo caso, stabilendo una forte connessione con Ankara, i Talebani guadagneranno più della perdita, qualunque sia l’assistenza economica, politica, culturale o diplomatica nella flora internazionale.

Che futuro vede per il paese?

“Innegabilmente, il futuro dell’Afghanistan dipende interamente da cinque attori: l’attuale governo afghano, i Talebani, le minoranze etniche afghane – uzbeki, turkmeni ecc. – gli attori regionali – Pakistan, Iran, Cina e India – e gli attori internazionali – USA, Russia, Turchia, Emirati Arabi, Qatar, Arabia Saudita. Due attori definiscono la nuova alba e la nuova storia dell’Afghanistan all’interno dei cinque attori: il governo afgano e i talebani. Tuttavia, il futuro dell’Afghanistan sarà non violento, se i Talebani e il governo afgano si accorderanno per condividere il potere democraticamente. Mentre, se una parte non è d’accordo, allora il futuro dell’Afghanistan passerà dove la guerra civile, la dottrina ideologica autoritaria o basata sulla religione governerà il paese in modo pessimistico e conflittuale”.

Gli altri approfondimenti sul Libano

Il Grande Giuoco continua… – Il Tazebao

English version

Can you briefly tell us how the Taliban was formed?

“Taliban is a homegrown religious and predominately Pashtun ethnic group, authoritatively founded in September 1994 at Kandahar, Afghanistan, who ruled the Afghanistan from 1996 until the USA’s invasion in 2001.  Taliban’s ideology was influenced by the Deobandi school of thought and its rules-based policy followed by the self-style of Islamic Shariah where they preferred and interpreted the law’s according to their own understanding of Islam; for example, they decoded the Pashtuns’ pre-Islamic tribal code and interpretations of sharia emphasized by “the austere Wahhabi doctrines of the madrassas’ Saudi benefactors”.

However, apart from the descriptive assessment, methodological disagreement, and political vision, simply Taliban is an ultimate output of the USA, Saudi Arabia, and Pakistan aided Mujahideen group who fought against Soviet occupation in Afghanistan in 1979. In academia, the formation of the Taliban’s puts in two ways, a group based on religion, or a group based on ethnicity, predominately Pashtun. 75% of the literature described Taliban as religious fundamentalist group, especially in the western based media analysis, reports, or theoretical discussion while, this group mostly organized, and performed their activities through the ethnic identity, even most of their leadership position came from a very specific Pashtun ethnic identity from the southern and eastern part of Afghanistan.

In the Taliban’s discourse, religious identity worked as a source of legitimacy, giving them vast opportunities to protect their influence in all ethnic groups, even in their own leadership cycle. By identifying the religious culture of Afghanistan, a country with approximately 99.7% Muslim where 90% practice Sunni Islam, while around 10% are Shias, Taliban used the Shariah-based Islamic law to hide their ethnic hegemony over Afghanistan’s political and cultural arena. Many reports and analysis classify that Taliban’s formation initially assisted by the USA and Pakistan’s intelligence service during the four years of conflict (1992–1996) among rival mujahideen groups which was primarily created against Soviet Union and Soviet-backed regime of Mohammad Najibullah, though Pakistan repeatedly denied the fact that neither they were the part of Taliban’s formation nor they were sponsored for Taliban as they are also facing the Taliban’s problem in their internal politics.

However, by taking the opportunity of mujahideen groups internal clash, unexpected but predictable civil war, this Pashtun dominated fraction entered Kabul in September 1996. It declared Afghanistan as an Islamic Emirate by the leadership of Mullah Mohammed Omar, a cleric based on Afghanistan’s madrasas. Nevertheless, until 2001, the Taliban controlled nearly 90% of Afghanistan either by force, using the ethnic identity or using their soft ideological version of the Wahabi doctrine of Islam.

Since 2010, Taliban has seized many territories, especially in the Southern and Eastern part of Afghanistan and regained their strength to challenge the current NATO backed and UN recognized legitimate Afghan government even it gives them an influential place for negotiating with USA and a peace deal with the current government”.

Which areas of the country are in the hands of the Taliban and which ones do they intend to control?

“Taliban is targeting the central places of all districts in Afghanistan, especially the city areas of Afghanistan’s districts. They demand that they capture nearly 85% of Afghan districts, but, almost every district is still fighting or disputing with the government forces. Taliban has a substantial control in the rural territory of the southern and eastern part of Afghanistan, but they are mainly targeting the city areas; even recently, they captured some of the northern and western territories, especially in the border side of Iran and Turkmenistan.

Apart from Pashtun ethnic controlled territories, the Taliban managed the other ethnic territories, particularly the Tajik, Uzbek, Hazara, and Turkmen ethnic territories. Taliban either influenced them by using the religious banner, money, position, or power. Even they controlled their members in some uncontrolled parts by using the shadow government. Taliban wishes to control the northern territories of Afghanistan and, accordingly, their intention to hold the Kabul, as it will be the final door to control the whole of Afghanistan. Recently, the attack during the Eid’s prayer shows how desperate they are to control Kabul and the nearest territories of Kabul, such as Uruzgan, Kandahar, Baghlan, Kunduz, and Mazar-i-Sharif etc”.

What is the Afghan ‘government’ position on this? What is the relationship between the Taliban and the central government?

“As I said earlier, the current Afghan government is working in two ways. In traditional strategies, they are fighting with Taliban forces to recapture the territories and working with the NATO forces to stay in Afghanistan and assist them in capturing the lands from the Taliban. In non-traditional ways, central government is using the soft tone of diplomacy with Taliban such as making peace deal, releasing Taliban’s members from the prison and making a peaceful environment where both USA and central government can negotiate with Taliban by playing the win-win card or zero-sum game strategies by taking their many benefits from the negotiation table”.

Why is a part of the Taliban in Qatar? What is Qatar’s role in the matter?

“There would be three factors that influence the Taliban in Qatar and Qatar’s role in the peace deal with the Taliban, the Afghan government, and the USA. The first factor is the Taliban factor. Interestingly, the Taliban individually choose Qatar to open their political office, as they think Qatar is more neutral than any other state such as Saudi Arabia. Taliban believes Qatar is a place where they can live comfortably and negotiate peacefully without any extra and unusual pressure they may have, if they choose any third country. Compared with the three countries such as Pakistan, Saudi Arabia and the United Arab Emirates, where Taliban has good roots, they still choose Qatar as it is much more balanced than these three countries. Taliban want a place where they will get the position, home, and money even simultaneously; they can use their Islamic identity and political correctness to achieve their short, immediate, and long-term interest in Afghanistan. In these three categories of the plan, the Taliban think Qatar is the place that will help them spiritually and materialistically. 

The second factor is the USA’s interest. Since the USA invaded Afghanistan in 2001, the USA and Afghan governments have tried to contact with Taliban. Still, they failed as the Taliban govern their group through the shadow government system. It was unclear who is the primary responsibilities that the Taliban may acknowledge them as their representative for any deal and negotiation with the USA or Afghan governments. However, since 2012, using the office and representative in Qatar, USA, has succeeded in bringing back Sgt Bergdahl on May 31, 2014. Additionally, Qatar’s multi-dimensional and intensive relations with the USA put the USA to consider Qatar’s Taliban talks.

The third factor is Qatar’s soft power influence in the Islamic world, even itself on Taliban and Afghan government particularly. Qatar’s previous experiences also placed them in an advanced position to deal with this prolonged conflict. They dealt with the Sudan’s Darfur crisis, Palestinian Hamas and Fatah’s disputes, their positive role during Arab Spring, Libya, and Syria. Additionally, Qatar’s generous, neutral, and balanced attitudes make them an influential actor between the Taliban and Afghanistan government. They pay all costs for the Taliban members residing in Qatar, such as paying their home rents, including all external costs that the Taliban need in Qatar”.

Why does Turkey want to control Kabul airport at all costs and why did the Taliban oppose it? Tell us briefly about the historical relations between Turkey and Afghanistan.

“It is not only about Turkey who want to stay or control Kabul airport. Many NATO member countries wish to remain in Afghanistan. The countries like Norway, Hungary even want to stay in Afghanistan. Indeed! It is all about the interest of each country how they see the Taliban, the USA and the Afghan government’s peace deal. However, in Turkey’s case, five factors influence Turkey to stay in Afghanistan and control the Hamid Karzai International Airport, not at all costs but in understandable and negotiable prices with all entities in Afghanistan.

Firstly, a win-win benefit for Turkey, the current Afghanistan government, international actors, diplomatic missions, even for the Taliban. Turkey’s presence in Kabul airport may ensure a mutually beneficial outcome for every party. In the short-term direction, it may have less benefit for the Taliban by assessing the current situation, but in the future, the Taliban will benefit because of Turkey’s presence. In international relations, “trust” and “identity” are essential tools to ensure the engagement between two countries. Turkey has a very trustable position in Afghanistan; even during the last two decades of war between USA-led NATO forces and the Taliban, the Taliban never directly attacked Turkish soldiers. Even by looking at the recent opinion by the Taliban spokesperson, Zabihullah Mujahid clearly said that “we want good relations with Turkey, Turkey is our brother, we have many points in common based on faith. We want Turkey to leave the past and return to the present and the future. After that, we can ask for dialogue”. Additionally, currently Turkey has only 500 soldiers in Afghanistan even Turkey has no plan to increase the numbers of the soldier in there as Turkish Defence Minister, Hulusi Akar said in his recent statement regarding the issue of Afghanistan which is very clear that Taliban should not worry for Turkey’s presence in Kabul airport. Recently, Turkey’s President, Recep Tayyip Erdogan, said that “… as the Taliban held some talks with the US, it should hold these talks with Turkey much more comfortably. Because Turkey has nothing that contradicts their beliefs”.

Secondly, Turkey’s previous experiences to control the Hamid Karzai International Airport. Since 2016, Turkey is mostly controlling the HKIA, giving them exceptional experiences to control the airport again, as that even emphasized by the Turkish President, “Now there is a new era. Three authorities are seen here: NATO, America, and Turkey with them. Now America has decided to withdraw and asked us to run the Kabul airport, which we have already been running for 20 years”.

Thirdly, Turkey wants to fill the power vacuum in the region and want to be a strategic partner with all regional powers such as China, Russia, India, and Pakistan. As an influential global actor and a powerful emerging country, Turkey wants to fill the place by offering its soft assistance in the Kabul airport where all global or regional powers want to leave Afghanistan or negotiate with the Taliban. Since 2001, Turkey has never been involved with any military operations in Afghanistan; they just only trained the Afghan soldiers; even the current proposal is only limited to the security protection of Kabul airport and will not participate in any military operations in Afghanistan. Turkey’s historical cooperation, political engagement, economic partnerships, diplomatic understanding, and cultural attractions with the Afghan people, placed Turkey in a trustable position. The policy of Ankara towards Afghanistan is a long-term policy that lies in the security of the region. Turkey’s long wish to sustain its relations with the Turkic origin countries, especially the border areas of Afghanistan such as Uzbekistan, Turkmenistan, and Tajikistan, may provide an immense advantage for working closely. Turkey’s current plan in Kabul airport may put their long-lasting friend Pakistan in a different boat. Still, for future strategic depth, Turkey strong presence in Afghanistan may help Pakistan and India to find a logical solution for the issue of Kashmir.

Fourthly, the presence of Turkey in Kabul airport may extend Turkey’s strong position in the negotiation table with the USA and NATO member countries. It is very clear that Turkey is currently facing a massive backlash due to its independent policy regarding the Mediterranean Sea, S-400, Libya, and Syrian crisis. Turkey’s may use this opportunity as a zero-sum game strategy against the west.

Fifthly, Turkey’s continuous soft power influences in Afghanistan. For Turkey, the Taliban has a vital position, but when it comes to the Turkey-Afghanistan relations, Taliban factor is a secondary issue as Turkey has a historically influential position in Afghanistan’s culture, politics, and diplomacy. As an independent state, Turkey-Afghanistan relations date back to the 1920s, but the historical relations mixed from different Turkic dynasties ruled from Central Asia to South Asia. It can be argued that Turkish institutions already have a trustworthy leadership position all over the world due to their enormous humanitarian activities, increasing the country’s soft power and positive image in the world. The warm assistance to millions of Syrian and Afghan refugees since 2013, aid for Qatar in the aftermath of the blockade by the Saudi-led coalition in the past year, the stance on the Rohingya refugee crisis and so on, all prove Turkey’s strong position when it comes to humanitarian problems. Additionally, the cultural impact of Turkish soft power institutions in Afghanistan are felt via drama series and movies.

I don’t think the Taliban will continuously oppose Turkey’s presence in Kabul airport. Simply, they oppose Turkey’s presence in Kabul airport, as Turkey is a member of NATO and will be at Afghanistan because of the NATO, so, they may fear through Turkey, USA or current Afghan government may take opportunity to stay long or control Afghanistan for another decades. Indeed! Turkey wants to stay there with other NATO entities for their own interest, such as Hungary showing their interest in staying with Turkey in protecting the Kabul airport. The last couple of months, the Taliban secretly or openly met with many international influential actors like China, India, Russia, Iran, Pakistan, etc. Therefore, I believe, rather than Turkey’s presence in Kabul airport, the Taliban will find a concrete solution to work with Turkey in Afghanistan. It will be a huge mistake for Taliban if they continue their oppressive policy like they did during their five years regime in Afghanistan from 1996-2001. It is true that the Taliban is fully independent for their internal and domestic policy, but they must have solid external relations for sustaining the strong domestic policy. In there, by making a strong connection with Ankara; the Taliban will gain better than the loss, whatever it is economic, political, cultural, or diplomatic assistance in the international flora”.  

What future do you see for the country?

“Undeniably, the future of Afghanistan entirely depends on the five actors such as the current Afghan government; Taliban; Ethnic Afghan minorities- Uzbek, Turkmen etc.; Regional actors- Pakistan, Iran, China, and India; International actors- USA, Russia, Turkey, UAE, Qatar, Saudi Arabia. Two actors define the new dawn and new history for Afghanistan within the five actors: the Afghan government and the Taliban. However, the future of Afghanistan will be non-violent if the Taliban and Afghan government agreed to share the power democratically. While, if one party disagrees, then the future of Afghanistan will go past where civil war, authoritarian or religion-based ideological doctrine will govern the country in a pessimistic and conflicting way”.

The other interviews on Afghanistan

Afghan collapse/1: a chat with Hujjatullah Zia (journalist) – Il Tazebao


Resta sempre aggiornato con Il Tazebao

Unisciti al gruppo Telegram per ricevere i nostri approfondimenti appena usciti. Instagram sarà il nostro supplemento fotografico. I video animano il nostro canale YouTube. Infine, inviando una mail all’indirizzo della redazione (redazione@iltazebao.com) puoi ricevere la newsletter settimanale.

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli