Nardi (LIDU Toscana): “Società matura e inclusiva non lascia nessuno indietro. Bene che Comune di Firenze realizzi rampa per persone con disabilità alla scuola Dino Compagni”

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

SEGUICI SU TELEGRAM:

Intervento di Renzo Nardi, Presidente della Sezione Toscana della Lega Internazionale Diritti dell’Uomo, sulla vicenda della rampa per le persone con disabilità alla scuola Dino Compagni di Firenze.

Firenze, 11 giugno 2021 – “La LIDU Toscana ha seguito con attenzione gli sviluppi nella vicenda della scuola Dino Compagni del Campo di Marte nella quale manca la rampa per le persone con disabilità. Da cittadini e da genitori, come nel mio caso, ci siamo sentiti umanamente vicini alla mamma di Niccolò, Ginevra Risaliti, troppo spesso bistrattata e ignorata dalle Istituzioni. Abbiamo riletto certe dichiarazioni e uscite che non dovrebbero avere spazio nel dibattito pubblico di una società che voglia dirsi matura e inclusiva.

Fortunatamente proprio grazie ad altri cittadini volenterosi e animati da quei valori che sono i nostri e con il supporto indispensabile della Avvocatesse Maria Rosaria Pizzimenti e Ginevra Bardazzi, la lacuna, l’assenza della rampa che era pur presente nel capitolato della nuova scuola, che ha prodotto – citiamo l’ordinanza pubblicata a marzo – una discriminazione indiretta contro Niccolò e ovviamente contro tutte le persone con disabilità che avrebbero voluto frequentare lo spazio che, ricordiamolo, non è solo una scuola, verrà sanata. Siamo lieti che il Comune di Firenze abbia confermato pubblicamente la volontà di realizzare la rampa per le persone con disabilità nell’ingresso principale che si farà quest’estate.

È una vicenda emblematica questa, che ci ricorda quanto ancora si debba fare per addivenire ad una società veramente inclusiva e, di conseguenza, democratica. Riteniamo che l’istruzione sia un tassello essenziale nella costruzione e nel rinnovamento della nostra collettività. Soprattutto in questo momento storico. 

Come LIDU ci battiamo per i diritti di chi parte indietro: è l’inclusione completa nella nostra società la nuova frontiera che ci dobbiamo porre e proprio per questo la battaglia di civiltà vinta da Ginevra e dai cittadini del Q2 è nostra. Seguiremo con attenzione gli sviluppi e l’effettiva realizzazione”.

Così Renzo Nardi [1], Presidente della Sezione Toscana della Lega Internazionale per i Diritti dell’Uomo.

  1. Abbiamo avuto il piacere di confrontarci nei mesi scorsi con Renzo Nardi che, oltre all’incarico nella LIDU Toscana, è sindacalista e Segretario Regionale di FNC UGL Comunicazioni Toscana. Questa la sua intervista: Tra digitale e capitali privati. Dove sta andando Poste Italiane? – Il Tazebao
Sulla vicenda

La rampa per le persone con disabilità alla scuola media Dino Compagni si farà – Il Tazebao

Rampa Dino Compagni, c’è l’ordinanza: si tratta di “discriminazione indiretta” – Il Tazebao


Resta sempre aggiornato con Il Tazebao

Unisciti al gruppo Telegram per ricevere i nostri approfondimenti appena usciti. Instagram sarà il nostro supplemento fotografico. I video animano il nostro canale YouTube. Infine, inviando una mail all’indirizzo della redazione (redazione@iltazebao.com) puoi ricevere la newsletter settimanale.

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli