Da adesso bisogna guardare

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

SEGUICI SU TELEGRAM:

È nostro compito adesso vigilare sull’effettiva realizzazione della rampa.

Iudicate egeno et pupillo, humilem et pauperem iustificate. Eripite pauperem et egenum de manu peccatoris liberate¹.

“Giustizia è fatta”. Mi sono lasciato andare quando ho letto per la prima volta il testo dell’ordinanza che mi hanno inviato le Avvocatesse Ginevra Bardazzi e Maria Rosaria Pizzimenti. Perché in questa battaglia mi ci sono immedesimato e perché tutti, almeno chi ancora conserva un po’ di pietas, ci siamo sentiti come mamma Ginevra. In quella che sembrava essere una lotta contro i mulini a vento, i silenzi e i mormorii, le indifferenze. Più giustamente diciamo che giustizia è quasi fatta. Non sarà giustizia piena fino a quando non sarà effettivamente realizzata la rampa nell’ingresso principale di via Sirtori alla scuola media Dino Compagni.

Certo è che ciò che abbiamo ottenuto attraverso le vie legali, le uniche ove poter tutelare i nostri diritti, è una vittoria sostanziale. Il ricorso ex articolo 700 che ho sostenuto ha evidenziato una “discriminazione indiretta”, ovvero quando una condizione, in questo caso l’assenza della rampa, prevista nel rendering originale e non realizzata, per le persone con disabilità nell’entrata principale, pur apparentemente neutra (neutra per noi forse o per la legge, non per Niccolò), mette la persona con disabilità in svantaggio evidente rispetto agli altri. Un’evidenza per tutti, adesso confermata formalmente.

Ero a conoscenza della vicenda della rampa: la battaglia di Ginevra Risaliti aveva avuto grande eco. Non avevo però mai conosciuto di persona Ginevra. L’ho incontrata, grazie a Jessica che ci ha messo in contatto, solo a ottobre del 2020. Quando la storia era già nota, quando tutti si erano già indignati e forse dimenticati. Me la ricordo sconsolata e ferita. Arrivai con un’idea già più o meno limpida del percorso intraprendere. La settimana successiva eravamo già dalle Avvocatesse Bardazzi e Pizzimenti che, con estrema professionalità e diligenza, ci hanno prospettato il percorso che si è rivelato più indicato ed efficace.

Nei vari incontri che abbiamo avuto ho compreso meglio la gravità della discriminazione – per me oltremodo diretta – contro Niccolò corredata da una serie di silenzi o risposte che dire inadatte a una pubblica amministrazione è fargli un complimento. Questa città tanto inclusiva tollera una discriminazione così evidente? Questa scuola tanto innovativa e aperta non accoglie le persone con disabilità dall’entrata principale e nessuno interviene? Ricordo che dopo parlai con un’altra persona, anche lei, come men, lavora nel campo delle disabilità, gli dissi: “Me ne occupo io. A questo giro andiamo in fondo a questa storia”.

Abbiamo ottenuto una vittoria importante ma ovviamente è ancora troppo presto per festeggiare. Si è visto un rendering per la nuova rampa. Apprendiamo dal Corriere Fiorentino che il progetto andrà in votazione a marzo, i soldi rientrano in quelli stanziati per la scuola (12 milioni). Da adesso bisogna guardare. Da attori in questa lotta per i diritti, di Niccolò e di tutte le persone con disabilità, diventiamo osservatori. Sentinelle. A noi il compito di vigilare sull’effettiva realizzazione e, appena saranno noti, sui tempi. È passaggio non meno importante rispetto ai precedenti. Non bastano gli impegni, ci vuole la rampa.

Sono molto soddisfatto di aver impresso la svolta decisiva nella vicenda portando a una vittoria insperata. Da sempre ho attenzione per le disabilità e continuerò ad averla, nel lavoro e non solo. Questa battaglia, infatti, mi ha permesso di radunare intorno a me una squadra di persone competenti che operano in ambiti diversi ma accomunate dalla stessa sensibilità, pronte tutte a scendere in campo contro altre ingiustizie. Credo fermamente nell’evoluzione della nostra società in senso sempre più inclusivo. È oggi questa una delle frontiere che dobbiamo superare. Solo così potremo dirci pienamente democratici.


1. Dal Libro dei Salmi (81, 3-4): “Difendete il debole e l’orfano, al misero e al povero fate giustizia. Salvate il debole e l’indigente, liberatelo dalla mano degli empi”.

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli

Una storia di libertà

Quiriti, non è così facile rinunciare di netto e senza opporsi a una lunga e comune storia di libertà. Certo,