Se n’è andato Valentino Ponzin

Condividi articolo:

SEGUICI SU TELEGRAM:

Se n’è andato Valentino Ponzin. Improvvisamente. Compagno di allegra brigata socialista si era ritirato da tempo o almeno io non lo vedevo più. Ma quando ci incontravamo la lucidità politica, quella dei giorni migliori della nostra magnifica avventura craxiana, era la stessa, corrosiva e visionaria. Per lui non ci sarà un poeta a cantarne la profonda umanità della banca a servizio di un popolo che sembra quasi aver perso la memoria di sé. Gli amici però non lo dimenticano e lo portano nel loro cuore grande di ragazzi.

Non sequestrate, Firenze 1766, non sequestrate
attrezzi agricoli per debiti
né buoi da tiro
dai contadini che con essi lavorano.
Pietro Leopoldo

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli