Cerca
Close this search box.

Le porte di Heartland e il Corridoio Nord-Sud. Da Modern Diplomacy

Condividi articolo:
SEGUICI SU TELEGRAM:
L’integrazione tra Russia, Iran e India cresce. Un estratto dell’approfondimento sul Corridoio Nord-Sud di Lorenzo Somigli per Modern Diplomacy tradotto dall’inglese.

Modern Diplomacy – Ascesa, declino, emarginazione o collasso sono fasi inevitabili nel ciclo di vita degli imperi. Il potere politico cerca sempre di invertire il declino, ma il trasferimento di potere è una costante storica. La scomparsa di una potenza porta all’emersione di una nuova capace di organizzare lo spazio. Nel VI Canto del Paradiso, Dante, parla l’imperatore Giustiniano, ricorre alla metafora dell’aquila che vola “contr’al corso del ciel” per rappresentare il flusso di potere da Roma a Costantinopoli, la “nuova Roma”.

Oggi è iniziato un irreversibile spostamento di potere, anche se non esiste un centro gravitazionale preciso. In effetti, l’ordine globale è arcipelagico e “fluido”, come ha recentemente osservato il Financial Times. Dall’inizio dell’operazione speciale russa in Ucraina è iniziata una fase magmatica che ha incentivato nuove triangolazioni e alleanze, talvolta alternative alla primazia occidentale. Naturalmente, gli Stati Uniti rimangono uno dei perni tecnologici e militari a livello globale e la NATO rimane al momento la prima alleanza militare, ma è innegabile che gli equilibri si stiano evolvendo.

All’inizio del XX secolo, i grandi strateghi geopolitici anglosassoni, come Mackinder, Spykman e Lea, si ponevano il problema di come contrastare l’ascesa dei giganteschi imperi euro-asiatici situati nell’Heartland e la loro espansione fino alla faglia critica linea del Rimland. In The Day of The Saxon (New York Harper, 1912), Homer Lea mette in guardia dai rischi dell’integrazione tra potenze euro-asiatiche, come Russia e Germania, come evidenziato dal progetto ferroviario Berlino-Baghdad.

Le potenze talassocratiche anglosassoni, argomentavano gli autori, non potevano reggere l’urto di imperi così vasti, con popolazioni giovani e numerose avviate allo sviluppo industriale e infrastrutturale e con risorse naturali sconfinate. Per questo è fondamentale controllare il Rimland e cercare di frenare lo slancio degli imperi, combattendo uno alla volta: una volta la Russia, una volta la Cina. Da queste riflessioni deriva anche la politica di contenimento nei confronti del colosso russo.

Erano paure ben giustificate. All’epoca la Russia, divenuta già protagonista sulla scena europea a partire dalle guerre napoleoniche, si era espansa nel Caucaso e nell’Asia centrale, aveva tassi di crescita economica e demografica notevoli anche grazie alla ferrovia Transiberiana e alla conseguente colonizzazione della Russia asiatica. Gli zar miravano anche ai mari caldi: Oceano Indiano e Mediterraneo. Per questo motivo la Crimea è stata storicamente cruciale nelle strategie di Mosca.

Tuttavia, rispetto al XX secolo, la Russia non è più un “faro ideologico”, non comanda più il blocco di Varsavia e, dopo la dissoluzione, è stata sempre più emarginata. Come dimostrato dal fiorire delle compagnie militari private, lo Stato russo non ha il monopolio della forza militare. In ogni caso, la Russia ha trovato e sta sviluppando canali alternativi efficaci per uscire dall’isolamento.

Innanzitutto, l’integrazione russo-cinese è realtà: gli scambi commerciali potrebbero raggiungere un valore di circa 200 miliardi di dollari entro la fine del 2023. Inoltre, la Cina è un mercato finale privilegiato per le risorse russe, ma la Russia è anche un mercato rilevante per la Cina che potrebbe compensare la perdita delle quote di Taiwan e degli Stati Uniti proprio con la Russia.

Allo stesso modo, il commercio tra Russia e Iran è quadruplicato nel 2022 e, dopo un lungo periodo in cui il valore commerciale reciproco non ha superato i 10 miliardi di dollari, in un solo anno l’interscambio tra Russia e India ha raggiunto il livello record di 44,4 miliardi; di conseguenza, la Russia è ora il quinto partner commerciale.

Dopo decenni, il progetto del Corridoio Nord-Sud è stato rilanciato all’inizio degli anni 2000 ed è considerato una priorità dai governi dei paesi. Esso risponde alle esigenze dei tre grandi attori coinvolti: accesso all’Oceano Indiano e al Golfo per la Russia che interrompa l’isolamento, rafforzamento infrastrutturale interno per l’Iran (il Paese diventerà un crocevia fondamentale di rotte ferroviarie, stradali e marittime) e proiezione verso l’Asia Centrale per l’India scavalcando il Pakistan, divenuto un Paese-chiave per la Cina.

Inoltre, l’iniziativa ha effetti benefici anche per tutti gli altri attori regionali: le repubbliche ex sovietiche, l’Azerbaigian e l’Armenia, ma anche i Paesi del Golfo, che oggi sono protagonisti di una politica cauta e attenta a ridefinire gli equilibri.

Il Corridoio Nord-Sud ha quindi enormi potenzialità, ma sono molti i problemi irrisolti. Innanzitutto, completare all’unisono le opere infrastrutturali, ammodernare tratti infrastrutturali spesso obsoleti, e infine completare ulteriori interventi complementari, come nel caso del Canale Volga-Don, che potrebbe rafforzare gli scambi commerciali tra il Mar Caspio e il Mar d’Azov.

Infine, è molto complesso scalfire la supremazia del Suez, soprattutto dopo il raddoppio. I dati mostrano una crescita costante: dal 2011 al 2016 sono passate per Suez oltre 16mila navi, mentre nel 2021 oltre 20mila (più di 56 al giorno), come riferisce la Suez Canal Authority (SCA). Nel 2021, attraverso il canale sono state spedite circa 1,27 miliardi di tonnellate di merci. Suez e Panama restano quindi i fondamentali facilitatori della navigazione moderna.

La strada del nord resta accessibile per la Russia anche se meno sicura dopo l’ingresso della Finlandia nella NATO; precisamente, la guerra contro la Finlandia (1939-1940) si concluse con la conquista della regione della Carelia e della penisola di Rybačij per proteggere i porti di Leningrado e Arcangelo. L’avanzata della NATO successiva al 1989 ha reso quasi impossibile per la Russia la penetrazione russa verso l’Europa centrale. Infine, la Russia è tornata in guerra per proteggere la Crimea e il Mar d’Azov, ora un “mare interno russo”; inoltre, negli ultimi anni, ha fatto la sua comparsa in Siria e nel Sahel.

In conclusione, realizzando il Corridoio Internazionale di Trasporto Nord-Sud, sempre seguendo la visione di Spykman, che rappresenta una rotta che attraversa il Caucaso e il Mar Caspio, la Russia sta trovando un modo per rompere l’isolamento, raggiungendo le “porte di Heartland”.

Se questa sarà una delle migliori concretizzazioni mondiali delle grandi idee di Bandung e Belgrado dei nostri tempi, ce lo dimostrerà l’anno prossimo.

Fonte: Spirit of Bandung and Belgrade in Johannesburg: Opening the Gates of ‘Heartland’

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato
Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao
Scopri altri articoli
L’Enigmatico n35

τοῖς δ ̓ ἔνι κοκκυστῆς ὀχλολοίδορος Ηράκλειτος αινικτὴς ἀνόρουσε «E tra loro con alta voce Eraclito si levò, sferza del