La decretazione d’urgenza in Italia/3. A cura dell’Avv. Marinari

GERMOGLI PH : 15 NOVEMBRE 2020 FIRENZE CENTRO STORICO PIAZZA DELLA SIGNORIA POLIZIA MUNICIPALE EMERGENZA CORONAVIRUS COVID 19

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

SEGUICI SU TELEGRAM:

Terzo e ultimo appuntamento della ricostruzione sulla storia e l’uso della decretazione d’urgenza in Italia a cura dell’Avv. Elisabetta Marinari.

“(…) La democrazia italiana, rinata dopo l’esperienza fascista, che fu corroborata proprio da una routinizzazione di una tendenza già in atto nel precedente periodo liberale, come spiegato eloquentemente da Alfredo Rocco (di cui abbiamo parlato in precedenza), pone precisi limiti alla decretazione emergenziale.

Questa contingentazione si rivede nel numero esiguo di decreti-legge prodotti nelle prime legislature. Dagli 89 che sono stati adottati nelle prime due legislature (uno non fu convertito) si passa ai circa 30 decreti al mese. Dopo questa fase di lievitazione si assiste ad un brusco calo, fisiologico, dovuto al divieto della reiterazione (grazie alla sentenza della Corte costituzionale n. 360 del 24 ottobre 1996), una decisione coerente con il dettato costituzionale, confermato dai numeri: mentre la XII legislatura si era raggiunta la cifra esorbitante di 669 decreti, nella XVI legislatura (2008-2013) si cala ai due al mese.

Un motivo dello scarso ricorso alla decretazione d’urgenza è da ricondurre alla feconda produzione normativa, contestuale al momento edificatorio dello stato italiano, e, come nota Sabino Cassese (che spesso abbiamo consultato per questi approfondimenti), ad una invidiabile rapidità del Parlamento frutto del “continuum maggioranza popolare, maggioranza parlamentare, Governo”. Quando questa catena funziona basta la legge ordinaria. Nei dieci anni che vanno dal 1948 al ’58, infatti, il Parlamento sforna circa 2000 leggi per ogni legislatura.  In quel periodo i decreti-legge servono espressamente per intervenire in ambiti in cui è richiesta rapidità (imposte erariali, di consumo, di fabbricazione, tasse di bollo etc…)”.

L’approfondimento completo è disponibile al sito dell’Avvocato Elisabetta Marinari: https://www.avvocatomarinarifirenze.com/breve-cronistoria-della-decretazione-d-urgenza-parte-3/news/42/2021/2/18


Resta sempre aggiornato con Il Tazebao

Unisciti al gruppo Telegram per ricevere i nostri approfondimenti appena usciti. Instagram sarà il nostro supplemento fotografico. I video animano il nostro canale YouTube. Infine, inviando una mail all’indirizzo della redazione (redazione@iltazebao.com) puoi ricevere la newsletter settimanale.

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli