Cerca
Close this search box.

Il campanello d’allarme per l’Europa: membri di Hezbollah accusati dell’omicidio di un soldato irlandese

Condividi articolo:
SEGUICI SU TELEGRAM:
In uno sviluppo cruciale, un tribunale militare libanese ha formalmente accusato cinque membri di Hezbollah dell’uccisione nel 2022 del 23enne peacekeeper irlandese delle Nazioni Unite, Sean Rooney.

di Romy el Haber

Hezbollah, una potente organizzazione paramilitare e politica, in gran parte controllata dall’Iran, ha plasmato in modo significativo il panorama socio-politico del Libano e della Siria, esercitando la sua influenza attraverso una miscela di violenza, potere politico e persuasione ideologica. I suoi atti di terrore hanno perpetuato instabilità e conflitti, esacerbando le sofferenze della popolazione civile. Il sostegno dell’Iran è stato determinante per rafforzare Hezbollah, rafforzare le sue capacità militari e consolidare la sua posizione all’interno della struttura politica del Libano. In uno scenario regionale sempre più complesso e teso, il potere di Hezbollah continua a crescere, intensificando le preoccupazioni riguardo al suo ruolo nel minare la pace e la stabilità nella regione. Tuttavia, l’ombra della minaccia di Hezbollah si estende ben oltre i confini del Medio Oriente, gettando una coltre raggelante sull’Europa.

È opinione comune che la forza di Hezbollah risieda nel suo potente arsenale, che include una serie di armi sofisticate. Tuttavia, la sua risorsa più potente è l’impunità con cui opera. Questa organizzazione è stata implicata in una moltitudine di omicidi, uccisioni e altri crimini atroci, eppure ha ampiamente eluso la responsabilità. Un’agghiacciante testimonianza di ciò è il recente attacco a un cittadino europeo: la tragica uccisione di un soldato irlandese, la cui vita è stata interrotta all’ombra del regno incontrollato del terrore di Hezbollah.

La missione UNIFIL in Libano, compreso il contingente irlandese, ha compiuto notevoli sacrifici per perseguire la pace e la sicurezza. Il loro impegno è esemplificato dalla tragica perdita di un peacekeeper irlandese nel dicembre 2022. La scorsa settimana, il tribunale dell’esercito libanese ha accusato 5 uomini presumibilmente legati a Hezbollah per la morte del peacekeeper. Tuttavia, nonostante Hezbollah negasse il suo coinvolgimento, il loro ruolo era chiaro fin dal giorno dell’incidente. Le prove contro i membri di Hezbollah accusati includono testimonianze di astanti, registrazioni audio e riprese video da telecamere di sorveglianza. In alcune registrazioni, gli uomini armati si sono identificati come membri di Hezbollah per le forze di pace.

Tuttavia, questa accusa dovrebbe servire da potente campanello d’allarme per l’Europa. Non dovrebbero essere queste notizie da dimenticare in poche settimane. L’incidente sottolinea l’urgente necessità di una posizione più decisa contro Hezbollah. Per troppo tempo, l’approccio morbido dell’Europa nei confronti di Hezbollah ha inavvertitamente conferito potere al gruppo, incoraggiandolo a continuare le sue attività con apparente impunità. Questa indulgenza è stata interpretata come un segno di tacita accettazione o, nel migliore dei casi, una riluttanza a confrontarsi frontalmente con l’organizzazione, contribuendo così al senso di invincibilità e disprezzo del gruppo per le norme internazionali.

Uno degli esempi più evidenti della posizione debole dell’Europa contro Hezbollah è stata l’applicazione incoerente di designazioni terroristiche al gruppo. Mentre alcune nazioni europee, come la Germania e il Regno Unito, hanno pienamente designato Hezbollah come organizzazione terroristica, altre hanno fatto una controversa distinzione tra le ali militari e politiche del gruppo, designando solo la prima come entità terroristica. Questa biforcazione artificiale è stata sfruttata da Hezbollah per mantenere la propria legittimità politica pur continuando le sue nefande attività sotto le spoglie di un’organizzazione politica legittima.

È noto che la milizia è coinvolta in varie forme di attività illegali in Europa, tra cui il traffico di droga e il riciclaggio di denaro, per finanziare le sue operazioni. Nel 2015, un agente di Hezbollah di nome Hussein Bassam Abdallah è stato arrestato a Cipro. Aveva immagazzinato oltre 8,2 tonnellate di nitrato di ammonio, la stessa sostanza chimica che ha causato la più potente esplosione non nucleare del 21° secolo, avvenuta a Beirut nel 2020. E secondo l’intelligence tedesca, il numero di membri attivi di Hezbollah nella sola Germania ha superato quota 1.000 nel 2018. Inoltre, hanno una rete di oltre 40.000 sostenitori. L’organizzazione ha utilizzato istituzioni sociali locali come centri comunitari, moschee e organizzazioni di beneficenza come mezzo per raccogliere risorse finanziarie.

Lo spettro dell’influenza di Hezbollah non può più essere relegato nelle note a piè di pagina della politica estera europea. È un argomento di grave preoccupazione che richiede un’azione immediata e seria. L’uccisione di un peacekeeper irlandese delle Nazioni Unite in Libano deve servire da cupo campanello d’allarme. Questo tragico evento sottolinea l’entità del pericolo rappresentato da Hezbollah ed è un duro promemoria del fatto che il costo dell’inazione può essere calcolato in vite umane. Oltre a ciò, è un chiaro appello alle nazioni europee affinché onorino il sacrificio di questo coraggioso peacekeeper raddoppiando gli sforzi contro le minacce poste da Hezbollah. Il tempo delle esitazioni e delle mezze misure è passato.

Della stessa autrice
  1. Il Dragone in Medio Oriente: quali implicazioni per l’ordine regionale e globale? – Federal Lebanon 15/03/2023

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato
Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao
Scopri altri articoli
Resipiscenza

Il Tazebao – Non ci sono soluzioni facili. Le scorciatoie sono i veri vicoli ciechi. Il momento, ci ricorda quel