Un altro modo di obbligare: una riflessione a futura memoria sul Green pass – Dirittifondamentali.it 30/12/2022

PH GERMOGLI : 17 APRILE 2020 FIRENZE EMERGENZA CORONAVIRUS PIAZZALE MICHELANGELO FOTO ESEGUITA CON PALO
Copyright Fotocronache Germogli

Condividi articolo:

SEGUICI SU TELEGRAM:

Di seguito, l’introduzione all’articolo a cura di Antonio Bellizzi di San Lorenzo pubblicato sulla rivista Dirittifondamentali.it e nel quale è citato anche Il Tazebao.

Dirittifondamentali.it – A futura memoria, si esamina il Green pass quale strumento paradigmatico di controllo sociale. Da un punto di vista funzionale, si analizza se il divieto di «accesso a servizi e attività» per i non vaccinati possa configurarsi come una vera e propria sanzione di un obbligo vaccinale implicito, temporaneamente esistente durante la vigenza del Green pass. A tal fine, viene dimostrata l’insussistenza di un mero onere vaccinale nell’interesse del vaccinato. Così si esamina l’ambivalenza del termine ibrido «accesso a servizi e utilità» tendente a normalizzare, in positivo, come sanzione premiale, la negatività di una sanzione afflittiva. Da un punto di vista strutturale, si esamina la natura del documento digitale, il suo formalismo e le implicazioni negative del formalismo sulla libertà. Ne consegue l’esame della compatibilità del Green pass con la tutela costituzionale della libertà di circolazione. Inoltre si sollevano dubbi sul tema della ragionevolezza dell’obbligo vaccinale per i sanitari.

For future memory, the Green pass is examined as a paradigmatic instrument of social control. From a functional point of view, it is analyzed if the exclusion of unvaccinated people from «access to services and activities» can be configured as a real sanction of an implicit vaccination obligation, temporarily existing during the validity of the Green Pass. To this end, it is demonstrated the absence of a simple vaccination burden in the interest of the unvaccinated people. So it is examined the ambivalence of the hybrid term «access to services and utilities» tending to positively normalize, as recompense, the negativity of a sanction. From a structural point of view, it is analyzed the nature of a digital document, its formalism and negative implications of formalism on freedom. It is then examined the compatibility of the Green pass with the constitutional protection of freedom of movement. Furthermore, raise doubts about the issue of reasonableness of vaccination obligation for health workers.

L’articolo completo: Un altro modo di obbligare: una riflessione a futura memoria sul Green pass

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli