“The end 1992-1994” di Andrea Spiri alla libreria L’Ora Blu di Firenze

Condividi articolo:

SEGUICI SU TELEGRAM:

Lunedì 27 giugno alla libreria L’Ora Blu di Firenze la presentazione del nuovo libro di Andrea Spiri “The end 1992-1994”.

Firenze, 21 giugno. Gli USA seguivano Mani Pulite, con attenzione massima, cautela e pure qualche riserva. Per questo, “The end 1992-1994” di Andrea Spiri è una preziosa ricostruzione storica degli anni più critici per l’Italia contemporanea, attraverso i documenti ufficiali dei diplomatici americani, desegretati per effetto del Freedom of Information Act; dispacci che ne riflettono le valutazioni sulla fase del trapasso traumatico dalla Prima Repubblica, da tutti loro considerata epocale. Fin da subito, inoltre, accanto a un cauto favore verso l’operato dei giudici milanesi, emerge preoccupazione per l’instabilità e i possibili scenari futuri.

L’evento a Firenze

Gianni Bonini e l’ARS, Archivio dei Riformisti Socialisti, Vi invitano a partecipare alla presentazione di “The end 1992-1994. La fine della prima Repubblica negli archivi segreti americani” (Baldini + Castoldi, 2022) di Andrea Spiri, già autore di “L’ultimo Craxi. Diari da Hammamet” (Baldini + Castoldi, 2020) lunedì 27 giugno ore 18:00 alla libreria L’Ora Blu di Firenze (viale dei Mille, 27R). Un ringraziamento al libraio Andrea Mello che ci ospita.

Oltre all’autore Andrea Spiri sono previsti interventi di Pieraldo Ciucchi, Debora Degl’Innocenti, Fabio Fallai, Matteo Gerlini, Irene Ivanaj, Laura Lodigiani, Massimo T. Mazza, Lorenzo Somigli, Edoardo Tabasso, Leonardo Tirabassi. Il Tazebao seguirà la presentazione.

Introduzione al libro “The end 1992-1994”

“Negli anni della Guerra fredda il rapporto tra l’Italia e gli Stati Uniti assume una valenza decisiva, su ogni altra considerazione prevale l’interesse degli americani per la stabilità di un Paese alleato che riveste una funzione strategica nel quadro degli equilibri geopolitici internazionali.

Poi, dopo l’Ottantanove l’approccio degli Usa si modifica, e con le prime avvisaglie di Mani pulite matura il convincimento che vada esaurendosi la spinta propulsiva delle forze politiche tradizionali. La «Repubblica dei partiti» sprofonda nel discredito, la Casa Bianca e il Dipartimento di Stato sembrano guardare con «favorevole predisposizione» alle inchieste dei giudici milanesi, ma cresce al contempo il bisogno di decifrare gli scenari futuri.

Si intensifica allora il flusso comunicativo lungo i canali riservati, attraverso il potenziamento delle dinamiche di raccolta e scambio delle informazioni: l’attivismo crescente dei diplomatici e degli agenti della Cia incrocia le varie tappe della «rivoluzione» italiana, dagli avvisi di garanzia che piovono sul capo del vecchio ceto politico fino alla vittoria elettorale del centrodestra berlusconiano, passando attraverso l’attacco della mafia al cuore dello Stato, con le stragi di Capaci e via D’Amelio.

Sulla scorta del materiale inedito proveniente dagli Archivi di Washington, questo libro ricostruisce il biennio 1992-94, aggiungendo un tassello fondamentale al mosaico interpretativo sulla fine della «prima Repubblica»”.

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli