Cerca
Close this search box.

Raghida Dergham (Beirut Institute): “Il terremoto in Siria e Turchia potrebbe avere profonde ripercussioni”

Condividi articolo:
SEGUICI SU TELEGRAM:
Siria, Iran, Turchia. Le possibili ricadute del terremoto nella riflessione di Raghida Dergham, giornalista, fondatrice e direttrice del Beirut Institute, su The National News.

The National News – Il terremoto della scorsa settimana che ha devastato parti della Siria e della Turchia avrà implicazioni nazionali, regionali e internazionali, poiché lascia dietro di sé un catastrofico disastro umanitario ed economico. Quale sarà il suo impatto sul futuro politico del presidente siriano Bashar Al Assad e su quello turco Recep Tayyip Erdogan? In che modo influenzerà gli interessi delle potenze globali e regionali in Siria? C’è molto da considerare.

La Siria e il regime ‘precario’

Concentriamoci prima sulla Siria, dove è improbabile che il regime di Assad venga riabilitato politicamente come possibile esito della solidarietà internazionale e araba con il Paese.

Gli europei non si affretteranno a normalizzare le relazioni con il governo siriano e gli Stati Uniti probabilmente bloccheranno qualsiasi tentativo di aggirare le sanzioni a Damasco. La Russia è preoccupata per il suo conflitto con l’Ucraina e la NATO, ma dati i suoi legami con il regime, fornirà assistenza per quanto possibile. Mosca mirerà anche a bilanciare attentamente i propri interessi, date le sue relazioni sia con la Turchia che con l’Iran – due paesi con interessi in competizione all’interno della Siria dilaniata dalla guerra – in particolare perché il terremoto ha colpito gran parte delle aree controllate dai ribelli nel nord-ovest del paese.

Aleppo, in particolare, soffre di una ferita aperta. Questa antica città era già devastata prima del terremoto, dopo anni di bombardamenti. Si trova anche vicino al confine con la Turchia, e Ankara non prenderà di buon grado il messaggio dell’Iran ai siriani dopo il terremoto secondo cui “siamo qui e abbiamo il controllo”. Aleppo, quindi, potrebbe essere il seme di uno stallo turco-iraniano che danneggerà solo la città e i suoi dintorni, e le persone che vi abitano.

La Turchia e la Siria potrebbero essere costrette a migliorare le loro relazioni a causa del disastro. Tuttavia, la recente spinta al riavvicinamento tra i leader dei due paesi potrebbe ora perdere slancio, non solo per la loro preoccupazione per la catastrofe, ma anche per la competizione Teheran-Ankara in questo momento estremamente delicato.

L’Iran e le sue ambizioni sulla regione

L’Iran sarà costretto a tenere conto dell’impatto del terremoto sui suoi progetti regionali e potrebbe ora cedere. In effetti, le ricadute regionali e geopolitiche del disastro costringeranno un certo numero di attori a riconsiderare le proprie politiche.

La Siria rimane una parte fondamentale delle ambizioni strategiche del regime iraniano e Teheran è determinata a prevenire qualsiasi cosa possa minare il suo controllo su di essa.

È improbabile che gli Stati Uniti revochino le sanzioni su Damasco per motivi umanitari, sebbene abbiano annunciato un allentamento delle restrizioni per consentire nuovi soccorsi. Gli Stati Uniti probabilmente esamineranno meccanismi che integrino il lavoro delle organizzazioni internazionali di soccorso, comprese le agenzie delle Nazioni Unite, ma non accetteranno di trattare con il regime per fornire aiuti alle regioni colpite, siano esse sotto il controllo del governo o dei ribelli.

I politici americani sono determinati a evitare di fornire alcuna legittimità al regime di Assad. Il loro particolare obiettivo sarà garantire che Washington non rilasci deroghe al Caesar Act, la legge emanata dal Congresso degli Stati Uniti che prende di mira individui e società che forniscono finanziamenti o assistenza al regime, nonché le entità iraniane e russe che lo sostengono.

I repubblicani al Congresso stanno lavorando a un piano per mantenere gli aiuti e i soccorsi per la Siria lontano dalle mani del regime e per aggirare il veto russo nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sull’apertura di corridoi di aiuti alle aree controllate dai ribelli. Alcuni legislatori repubblicani ritengono che le Nazioni Unite e altri meccanismi internazionali siano inadeguati, richiedendone quindi di nuovi per coordinare le forze statunitensi in Siria e l’esercito turco e aggirare il governo siriano e fornire aiuti alle aree colpite. Si cerca un piano sostenibile per avviare immediatamente uno sforzo di aiuto senza attendere l’approvazione del governo di Assad.

Il Congresso sta anche lavorando per approvare ulteriori leggi per impedire al regime – e ai suoi sostenitori in Iran e Hezbollah – di beneficiare del disastro.

La Turchia di Erdogan e il voto vicino

La Turchia, nel frattempo, è in gravi difficoltà economiche. Con città e paesi devastati, la ricostruzione richiederà miliardi di dollari. Questo va oltre i milioni già inviati come aiuto immediato. Ma arriva mentre l’Occidente rimane concentrato sulla guerra in Ucraina e sulla presunta intransigenza del governo turco sulla questione dell’adesione della Finlandia e della Svezia alla NATO.

Nel 2022, Ankara si è opposta all’offerta di Svezia e Finlandia di aderire all’alleanza, sulla base del fatto che “ospitano organizzazioni terroristiche che agiscono contro la Turchia”. Ha anche continuato ad avere legami economici con la Russia. La domanda ora è se prenderà in considerazione la possibilità di revocare il suo veto mentre cerca assistenza finanziaria dagli Stati Uniti e dall’Europa.

Il terremoto potrebbe paralizzare diversi progetti di Ankara, dall’Asia centrale e dal Caucaso al Nord Africa. È probabile che imponga cambiamenti all’ambiziosa agenda di politica estera di Erdogan e riduca i suoi ripetuti appelli a istituire una zona cuscinetto all’interno del territorio siriano.

Anche dove questo lasci le ambizioni di Mosca è discutibile, con il destino dell’economia russa legato, in una certa misura, alle politiche di Ankara nei suoi confronti.

Infine, il terremoto potrebbe alterare il computo elettorale in Turchia per una serie di ragioni, tra cui il fatto che Erdogan ha finora sfruttato la politica estera per cercare di convincere gli elettori del suo ambizioso programma per il Paese. Se fosse costretto a concentrarsi sul fronte interno, come sarebbe comprensibilmente il caso, potrebbe perdere una delle sue carte vincenti elettorali nella sua campagna per assicurarsi la rielezione a maggio.

In altre parole, il terremoto potrebbe giovare all’opposizione in Turchia. Uno spostamento dell’attenzione dalla politica estera alle questioni interne gli offre la possibilità di mettere insieme una coalizione più forte. Lo stato di emergenza imposto all’indomani del terremoto potrebbe foraggiare l’AKP oggi al governo così come all’opposizione, in quanto è un’arma a doppio taglio.

Ovviamente è ancora troppo presto per valutare tutte le dimensioni del disastro che ha ucciso quasi 30.000 persone. Per ora, il mondo sta guardando lo svolgersi della tragedia. Ma anche se la sua attenzione alla fine, e inevitabilmente, si sposta su altre crisi globali – sia attuali che imminenti – la sofferenza dei sopravvissuti in Siria e Turchia durerà ancora a lungo.

Fonte: The Syria-Turkey earthquake could have profound implications

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato
Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao
Scopri altri articoli
L’Enigmatico n35

τοῖς δ ̓ ἔνι κοκκυστῆς ὀχλολοίδορος Ηράκλειτος αινικτὴς ἀνόρουσε «E tra loro con alta voce Eraclito si levò, sferza del