I quaderni del Tazebao/1 – Per un’ecologia civica del Mediterraneo

Cairo-yousef-salhamoud-unsplash

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

SEGUICI SU TELEGRAM:

Prima pubblicazione de I quaderni del Tazebao.

La redazione de Il Tazebao è lieta di pubblicare integralmente l’intervento di Gianni Bonini a DomusForum 2020.

Un’opera di Hans Arp si chiama “Gruppo Mediterraneo”. È una forma che trae origine dalla Natura come tutte quelle prodotte nel suo originalissimo percorso artistico, sempre a metà tra Dada e Surrealismo e senza mai sconfinare nell’uno o nell’altro. Un seme che ha più basi e che si dirama in più direzioni.

È del 1949, stesso anno in cui Fernand Braudel pubblica “La Méditerranée et le monde mediterranéen à l’époque de Philippe II”, prima e grandiosa enunciazione del suo concetto geostoria. La storia non come notazione lineare di eventi o fatti politici, la storia come scienza che aperta al contributo delle altre scienze a partire proprio dalla geografia.

Un metodo che poteva nascere solo dallo studio approfondito del Mediterraneo che, per sua stessa natura, è stato, e in un certo senso rimane, un epicentro del mondo, dove tutto si incontra, scontra, confonde. A cominciare dalle piante, come grano e ulivo, che si sono acclimatate così bene nell’ecumene.

È il Mare Nostrum, colto nella sua dimensione globale, uno dei nostri argomenti di analisi e di riflessione. La giovane avventura del Tazebao ha deciso di produrre un nuovo strumento, ancor più meditato, di riflessione, che in questo numero tratta proprio del Mediterraneo.

Gianni Bonini, che è stato chiamato a dare il suo contributo all’edizione 2020 di DomusForum, l’appuntamento dedicato al futuro delle città, ci guida in una lettura inedita del Mediterraneo, partendo da una storia di ecologia civica in una Firenze lontana nel tempo, ma già incubatrice dei nodi urbanistici che ne hanno segnato il declino.

Per scaricare il primo quaderno ⇒ I quaderni del Tazebao-1 dicembre 2020

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli