Cerca
Close this search box.

“Prudenza e demistificazione”: ecco cosa serve a paesi arabi e comunità internazionale sulla Siria. Scrive Raghida Dergham

Condividi articolo:
SEGUICI SU TELEGRAM:
Riprendiamo tradotto l’ultimo approfondimento di Raghida Dergham

2 aprile 2023 – La Russia assumerà la presidenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ad aprile, la posizione più alta all’ONU ruotata in ordine alfabetico tra i membri del Consiglio di sicurezza ogni mese. Per Mosca la priorità rimane l’Ucraina e la battaglia con Stati Uniti e Occidente. Tuttavia, la Siria è sempre stata una delle principali preoccupazioni russe al Consiglio di sicurezza, dove ha dispiegato vigorosamente il suo potere di veto per far fallire qualsiasi risoluzione sfavorevole a Mosca, paralizzando il massimo organo delle Nazioni Unite dal 2011. Sulla scia della guerra in Ucraina, la Russia ha ha declassato il proprio interesse in Siria, esternalizzando la protezione del regime di Assad all’Iran, suo alleato sul terreno in Siria, con il pieno consenso di Damasco.

Oggi sembra che la diplomazia russa abbia deciso che sia opportuno ripristinare il suo coinvolgimento diretto in Siria, non solo per mantenere lì le sue basi militari, ma anche come parte del rafforzamento dei legami con la Turchia, sfidando gli obiettivi americani in Siria e inserendosi nel nuovo capitolo dei rapporti che alcuni stati arabi hanno iniziato ad avere Damasco, lieti di per porre fine all’isolamento di Assad e accoglierlo come se fosse rinato. Ci sono molti interrogativi sulle ragioni e gli obiettivi del parziale impegno arabo di Damasco, tra le continue divisioni tra gli stati arabi e la Lega Araba. Ci sono anche domande sulle relazioni russo-israeliane mentre Israele intensifica i suoi raid nel governatorato di Damasco e in altre regioni, prendendo di mira i siti militari siriani e iraniani. E ci sono domande sulla reale posizione dell’amministrazione Biden su Siria e Assad, e sul calcolo elettorale del presidente turco Erdogan in relazione alla Siria. Poi c’è la ‘bomba’ dei profughi siriani che Bashar al-Assad non vuole sul territorio siriano, gli europei non vogliono nei loro stati, e la comunità araba e internazionale continua a ignorare, anche se paesi come il Libano ospitano milioni di profughi il cui il destino irrisolto rappresenta una minaccia per la sopravvivenza di questi paesi.

Cominciamo con un tentativo di sviscerare la situazione siriana con le sue dimensioni esterne, per chiarire le circostanze che hanno permesso a Bashar al-Assad di superare la rivolta del suo popolo e i tentativi di rovesciarlo, di sottrarsi alla responsabilità in seguito all’uso di armi chimiche sui suoi connazionali, e di utilizzare i confini difficili e porosi del popolo libanese per contrabbandare metodicamente i loro bisogni primari.

La prossima settimana, i vice ministri degli Esteri di Russia, Turchia, Iran e Siria si incontreranno a Mosca per concordare un accordo, parte dei cui obiettivi principali è raggiungere un accordo che alla fine rafforzerebbe Assad. Il presidente turco ha invitato il suo omologo russo Vladimir Putin a partecipare alla cerimonia di apertura del primo reattore nucleare della Turchia, costruito dalla russa Rosatom, il 27 aprile, di persona o tramite collegamento video. I due leader continuano a discutere da vicino varie questioni, tra cui la Siria.
Fonti a conoscenza di questo problema affermano che Erdogan è vicino a riconoscere la sopravvivenza di Assad, e che quindi è necessario trattare con lui e soddisfare le richieste russe in Siria alla vigilia delle elezioni turche.

Assad ha beneficiato del terremoto che ha colpito la Turchia e la Siria per alleviare il suo isolamento arabo e turco. In effetti, Erdogan è stato costretto a raddoppiare la politica estera per mascherare le accuse dell’opposizione di non aver preparato adeguatamente le infrastrutture turche.

Bashar al-Assad ha beneficiato del terremoto, che ha ammorbidito Erdogan e lo ha reso più disponibile a perseguire un approccio diverso nei confronti della Siria e del suo presidente, la sua ex nemesi.

Anche la guerra russa in Ucraina ha giovato ad Assad, con Putin che ora ha un disperato bisogno di altri successi che deviino dai fallimenti russi nella guerra. Sono passati quattrocento giorni dall’invasione russa, senza che la Russia abbia ottenuto un grande successo militare o sia stata in grado di organizzare un’offensiva che risolvesse la guerra per la Russia. Il popolo russo si interroga sullo scopo della guerra che gli ha portato sofferenza economica e declino nazionale. Sebbene non ci siano proteste aperte, ci sono quelle che i russi chiamano “proteste in cucina” in cui esprimono apertamente le loro opinioni. Il presidente Putin ne è consapevole e deve dare l’impressione di preservare gli interessi esteri della Russia, con la Siria geopoliticamente e l’Iran strategicamente.

Durante la recente visita del ministro degli Esteri iraniano a Mosca, si è concordato di completare il patto strategico globale tra i due paesi, che dovrebbe emulare quello tra Cina e Iran. Il ministro degli Esteri russo dovrebbe visitare presto Teheran per firmare l’accordo. Quando il presidente cinese ha visitato Mosca il mese scorso, i due paesi hanno affermato che la troika Cina-Russia-Iran deve andare avanti, pur riconoscendo le differenze nella natura delle rispettive relazioni di Mosca e Pechino con Teheran.

In effetti, Russia e Iran sono alleati militarmente in Siria e Ucraina. Le relazioni della Siria con l’Iran sono sempre state una scelta strategica per Damasco, sotto Hafez Assad poi sotto suo figlio Bashar. Per questo motivo, tutti i discorsi sui tentativi arabi di attirare Assad lontano dall’Iran sono fantasie o offuscamenti. Il che ci porta alla componente araba dell’equazione siriana.

Le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite stabiliscono che il governo e l’opposizione siriani negozino su una nuova costituzione seguita da elezioni, ma la presa russa ha minato le risoluzioni internazionali e decimato l’opposizione liberale siriana e ogni possibilità di transizione democratica in Siria. Da allora, la Siria si è frammentata, fatta a pezzi da vari attori, tra cui Turchia, Iran, Israele, curdi, americani e russi con il pretesto di combattere l’ISIS e il terrorismo. La Lega Araba ha isolato il regime di Assad e sospeso l’adesione della Siria, citando le pratiche brutali del regime, tra cui l’espropriazione e il tormento del popolo siriano. La maggior parte degli stati arabi ha seguito decisioni della Lega Araba.

Oggi gli Stati del Golfo sono divisi su Assad e la Siria

Paesi come il Kuwait hanno un approccio diverso rispetto a paesi come gli Emirati Arabi Uniti. Il Kuwait insiste per seguire le decisioni della Lega Araba, mentre gli Emirati Arabi Uniti hanno deciso di impegnarsi a pieno con Assad e rompere il suo isolamento, ospitandolo ufficialmente ad Abu Dhabi con sorprendente cerimoniosità. L’Oman ha adottato una posizione simile agli Emirati Arabi Uniti ea sua volta ha ospitato Assad. Il Qatar è impegnato in una tranquilla mediazione, mentre l’Arabia Saudita ha deciso di aprire un consolato per alleviare certe pressioni sul popolo siriano ma non sembra intenzionata ad aggirare la Lega Araba. Lo stesso vale per il Bahrein.

A livello arabo più ampio, si stanno verificando divisioni simili e diversi livelli di interazione con la Siria. L’Egitto ha avviato un dialogo sostenuto con il regime di Assad attraverso una diplomazia morbida, anche attraverso il rappresentante delle Nazioni Unite, e con l’opposizione. L’Egitto ha alcune idee per il ritorno dei rifugiati siriani. La Giordania sta guidando gli sforzi per riabilitare Assad e riportare la Siria all’ovile arabo. In Nord Africa, l’Algeria è un convinto sostenitore del regime di Assad, e recentemente la Tunisia si è avvicinata a questa posizione. Tutti questi stati sostengono la necessità di ripristinare l’unità e l’integrità territoriale della Siria come giustificazione per le loro posizioni nei confronti di Bashar al-Assad. Ma questo merita qualche interrogativo.

Bashar al-Assad deve essersi sentito rivitalizzato dopo le sue visite nel Golfo, ma questo non lo ha spinto a cercare un nuovo modo di pensare nei confronti dell’opposizione, del ritorno dei profughi siriani o del rispetto della sovranità del Libano smettendo di violare i suoi confini per contrabbandare vari tipi di contrabbando, tra cui la droga Captagon diretta nel Golfo, come richiesto dagli stati arabi impegnati oggi con Assad.

Se la giustificazione per l’impegno con Assad sta ponendo fine all’impasse a beneficio del popolo siriano, allora gli stati arabi che spingono per questo dovrebbero rivelare quali progressi hanno fatto su questi temi nelle loro conversazioni con Assad e presentare una tabella di marcia per demistificare le loro politiche e per confutare altre interpretazioni e ipotesi.

Nessuno mette in dubbio le motivazioni di questi stati, che credono che la strada giusta siano misure di rafforzamento della fiducia e che il boicottaggio di Assad non serva all’opposizione. Ma i timori della spartizione della Siria non giustificano la continuazione della repressione dell’opposizione e della popolazione da parte del governo siriano e il suo rifiuto di accettare una nuova costituzione. C’è bisogno di una tabella di marcia per la Siria e per le relazioni siriane con il Libano, per porre fine alla violazione della sua sovranità, all’approfittare della sua rovina economica e all’ostacolo al ritorno dei profughi siriani dal Libano.

La prudenza è necessaria qui, in modo che le posizioni del Golfo e degli arabi non sembrino aggirare questi imperativi interni ed esterni, solo per riabilitare Assad e consentire la sua impunità. C’è una preziosa opportunità in un nuovo approccio da parte dei principali stati arabi se gli obiettivi sono chiari, soprattutto perché questi paesi non hanno interessi diretti con Assad che altrimenti li farebbero sospettare.

Alcuni ritengono che le posizioni di questi paesi derivino dal loro desiderio di tracciare una rotta indipendente dai dettami statunitensi. Altri ritengono che una parte di questi paesi voglia preparare la Siria a un importante cambiamento nelle relazioni con Israele in cambio della salvaguardia del suo regime e del suo territorio, sulla scia della normalizzazione del Golfo e di Israele.

L’Arabia Saudita sta cantando una melodia diversa. Non è pronta a fare un salto verso Israele, né a scavalcare le decisioni della Lega Araba sulla Siria. L’Onu appare assente dal teatro siriano, dove per anni non ha avuto un ruolo significativo attraverso il suo rappresentante speciale. Tuttavia, le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sono state bloccate dalla Russia nel suo tentativo di spezzare la schiena all’opposizione siriana.

La Russia è perplessa per gli attacchi israeliani in Siria

La Russia aveva precedentemente considerato una risposta militare, ma una tale decisione potrebbe causare distrazioni dall’Ucraina. L’Iran, da parte sua, deve ancora rispondere agli attacchi israeliani alle sue posizioni in Siria e nell’interno iraniano, nonostante le sue minacce di risposta.

L’amministrazione Biden è divisa, data la priorità della guerra in Ucraina e le sue politiche sulla Siria sono incoerenti. L’amministrazione a volte minaccia e afferma la sua posizione per la riabilitazione di Assad, altre volte promette deroghe alle sanzioni Caesar che permetterebbero al regime di beneficiare di progetti elettrici, credendo che questo aiuti il ​​Libano mentre essenzialmente aiuta Assad.

Se l’amministrazione Biden fosse veramente interessata ad aiutare il Libano a uscire dal suo calvario, sarebbe stata vigile sulla necessità di denunciare il rifiuto di Assad del ritorno dei rifugiati siriani dal Libano, dove rappresentano quasi la metà della sua popolazione. Invece, i rifugiati ricevono aiuto dagli Stati Uniti, dall’Europa e dalle agenzie internazionali mentre gli aiuti vengono negati alla popolazione del paese ospitante, trasformandoli in cittadini di seconda classe.

Se l’amministrazione Biden fosse seriamente intenzionata ad aiutare il Libano, sarebbe stata vigile sul flagrante contrabbando di beni di prima necessità dal Libano alla Siria, che aggrava i problemi economici del Libano e la sofferenza della sua gente. In effetti, non è sufficiente per l’amministrazione Biden celebrare la demarcazione dei confini marittimi tra Libano e Israele per consentire l’esplorazione di petrolio e gas. Come ha avuto successo quando c’era la volontà, può fare qualcosa di simile al confine libanese-siriano per aiutare a fermare l’emorragia.
Naturalmente, questa emorragia deriva in parte dall’avidità della classe dirigente libanese, guidata dal primo ministro Najib Mikati e dal presidente del parlamento Nabih Berri, e dal controllo del Libano da parte del capo di Hezbollah Hassan Nasrallah attraverso armi al di fuori della legittimità dello stato.

Il contributo siriano alle sofferenze del Libano c’è sempre stato

Oggi non si gioca solo attraverso la politica, ma anche attraverso la collaborazione con Hezbollah, il contrabbando sistematico e lo sfruttamento della crisi dei rifugiati. Niente di tutto questo è una coincidenza.

Tutti coloro che si occupano di Bashar al-Assad e dell’integrità territoriale della Siria devono invariabilmente vagliare il costo delle loro politiche sia per la Siria che per il Libano, se non mostrano prudenza e demistificano le loro politiche, e presentano una tabella di marcia per i loro sforzi in buona fede in Siria e Libano.

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato
Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao
Scopri altri articoli
Resipiscenza

Il Tazebao – Non ci sono soluzioni facili. Le scorciatoie sono i veri vicoli ciechi. Il momento, ci ricorda quel