“Dannoso più che utile”: la carriera di Di Maio continua in Ue? – Secolo Trentino 28/11/2022

Condividi articolo:

SEGUICI SU TELEGRAM:

Secolo TrentinoL’Unione Europea, per non correre il rischio di rimanere sempre più isolata sul piano internazionale, ha istituito il ruolo di inviato speciale nei Paesi del Golfo Persico, nel tentativo di potenziare i rapporti diplomatici con l’area a livello energetico, ma non solo. E la nomina, seppur provvisoria, di Di Maio, non è passata inosservata. Tanto che le stesse istituzioni della regione si sono chieste in quest’ultime ore se non fosse uno scherzo, e pure di cattivo gusto ritenendolo dannoso più che utile nello “sviluppare relazioni positive tra la regione del Golfo e i Paesi europei”.

«La nomina di Luigi di Maio deve avere un profondo senso dell’umorismo europeo che mi sfugge» ha infatti commentato il capo del Centro di ricerca sulle politiche pubbliche di Dubai, Mohammed Baharoon. E così, dopo aver lasciato per lungo tempo la diplomazia in mano ai singoli Stati, soprattutto sul fronte energetico, i nuovi scenari che si stanno aprendo sottolineano quanto le politiche europee su questo fronte siano carenti e fallimentari, per non dire ridicole, in un momento in cui le stese dovrebbero giocare un ruolo fondamentale ed unitario nella gestione comune delle risorse. Questo a dimostrazione di quanto la gravità della situazione in cui versa l’Unione, soprattutto da questo punto di vista, sia stata finalmente recepita a Bruxelles, seppure in maniera decisamente tardiva e sottostimata. La preferenza per Di Maio fra i candidati – ancora da finalizzare – dimostra infatti quanto poco la cosa sia stata presa seriamente e quanto poco siano adatte le istituzioni europee a fare seria diplomazia, forse prese maggiormente dai giochi interni di palazzo. Josep Borrell e un panel di esperti ha indicato Di Maio come favorito in una lista di candidati la cui preparazione fa impallidire “er bibbitaro” nostrale. Tra laureati ad Harvard e Cambridge, tanto per citare due delle università più importanti al mondo.

Ogni Stato membro ha avuto modo di indicare una sua preferenza e anche lo stimato ex Premier e banchiere Mario Draghi avrebbe spinto per Di Maio. Forse, anche grazie alla cieca fiducia nel “governo dei migliori”, ha passato le selezioni iniziali per approdare in Europa, anche se il nuovo esecutivo si è già detto contrario a tale nomina. Oltre alla scarsa preparazione del soggetto, viene da chiedersi se sia sufficiente una passata esperienza come ministro degli Esteri per ricoprire una posizione di inviato speciale, con risultati forse più dannosi che altro vista la scarsa preparazione dimostrata in questi anni, tra gaffe, numerosi errori e dossier bollenti.

Come è stato sottolineato anche in Inghilterra e in Francia (dove la diplomazia la sanno fare) il fatto che Di Maio abbia mandato in fumo un affare multimilionario di vendita di armi verso Emirati Arabi e Arabia Saudita nel 2021 per il mancato rispetto dei diritti umani in Yemen – una guerra che andava avanti da 10 anni quando Di Maio ha annunciato la sua mossa brillante – appare gravissimo. Probabilmente spinto da un lato dalla necessità di distinguersi politicamente da Renzi e di dare un’immagine di superiorità morale, dall’altro dal bisogno di seguire Washington, che in quel momento stava prendendo posizioni simili dopo il delitto Kashoggi, anche spinta dalla necessità di contro-bilanciare i delicati equilibri con l’Iran.

L’articolo completo: “Dannoso più che utile”: la carriera di Di Maio continua in Ue?

Cerca un nuovo articolo

Resta sempre aggiornato

Scopri Il Tazebao

Ho letto la Privacy Policy

Il Tazebao

Scopri altri articoli